cosy-home-veneta-di-cucine-_-modelli

Cosy Home di Veneta Cucine

Cosy significa comodo, confortevole, accogliente, intimo, da qui deriva Cosy Home di Veneta Cucine che è l’interpretazione del modo di vivere la casa secondo il famoso brand. L’abitazione viene definita come luogo dell’anima e in fondo proprio la casa non dovrebbe rispecchiare la personalità di chi la vive? Perciò deve rispondere alle esigenze di benessere e comodità di ognuno di noi.

Il design oggi è su misura, così il progetto Cosy Home di Veneta Cucine si suddivide in tre grandi ambienti – tipo che si avvicinano al padrone di casa con materiali ricercati, un equilibrio di forme e raffinatezza assoluta. Una personalizzazione degli spazi in modo sempre più flessibile con progetti ispirati su misura partendo dai concept proposti ultraversatili.

cosy-home-di-veneta-cucine-_-brand

Le proposte Cosy Home di Veneta Cucine

Cosy Home di Veneta Cucine risponde al bisogno di abitare originale di ogni individuo basandosi sui rituali che ogni individuo possiede. Non è solo un arredo ma è una coccola che il brand vuole offrire per rispondere alle esigenze del quotidiano proprio per un ambiente come quello della cucina che è sempre soggetto ai mutamenti tecnologici.

Le tre proposte di concept offrono vere e proprie atmosfere per uscire dallo schema tradizionale del classico spazio in cui mangiare.

cosy-home-di-veneta-cucine-_-linea

Il Cosy Home si declina così in tre ispirazioni denominate New Normal, Material Honesty e Solid Elegance, ciascuno con una propria personalità.

La proposta New Normal vede protagonista lo stile nordico razionale puntando sul legno di rovere e i toni del bianco. Material Honesty è calda ed avvolgente sui toni del tortora e top in fenix. Solid Elegance è lussuosa, laccata lucida con dettagli in vetro. Ma da qui l’elenco delle varianti potrebbe essere quasi infinito.

Tutti ritroveranno il proprio cosy style da Veneta Cucine.

Che cosa state quindi aspettando? Noi di TATs vi aspettiamo lì, non perdete quest’occasione.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •