collage-13

Hermès e il cinema: borse iconiche e liste d’attesa

L’eleganza sembra l’unico diktat conosciuto da Hermès e il cinema questo ce lo ha confermato nel corso del tempo.
Il marchio oggi è noto soprattutto per i suoi pregiati foulard. Quando si parla di Hermès è però impossibile non pensare alle due borse iconiche. Considerate come borse-sorelle, sono state lanciate dalla casa di moda rispettivamente nel 1937 e nel 1984. Entrambe portano il nome di due icone di stile e del grande schermo. Si tratta della Grace e della Birkin, due tra le borse più desiderate nella storia della moda.
Eppure, guardando agli albori della casa di moda, sorgerebbe spontaneo chiedersi quale relazione possa esserci tra Hermès e il cinema. Nel 1837 infatti, quando Thierry Hermès aprì a Parigi la sua bottega si occupava principalmente di attrezzature per andare a cavallo. Soltanto negli anni Venti del secolo successivo il nipote del fondatore incominciò a creare capi d’abbigliamento, sempre in ambito equestre. Nel 1929 Hermès lanciò la prima collezione di abbigliamento femminile, muovendo il primo importante passo che condurrà l’azienda a diventare un vero e proprio colosso della moda.

Hermès e il cinema: la borsa dedicata a Grace Kelly

La Kelly bag di Hermès nasce ufficialmente nel 1937. L’azienda era diretta dai fratelli Adolphe ed Èmile- Maurice, nipoti del fondatore. La borsa era ispirata ad una sella e fu lanciata prima nel ’35  e poi due anni dopo con le dimensioni che ancora oggi conosciamo. Ma fu nel 1956 che divenne famosa come “Kelly” mentre fu rinominata ufficialmente soltanto nel 1977.
Nel 1956 Grace Kelly aveva da poco abbandonato il mondo del cinema per diventare principessa di Monaco. Nel tentativo di nascondere ai fotografi la sua gravidanza, copre la pancia con una borsa firmata Hermès.
L’attrice aveva ricevuto quella borsa due anni prima per usarla nel film di Hitchcock Caccia al ladro.
La foto finisce sulla copertina di Life: da quel momento la Kelly diventerà una delle borse più eleganti ed amate al mondo. Successivamente fu realizzata in sette diverse misure, dalla mini-bag alla sua versione più capiente. Oggi la Kelly con cui la principessa Grace fu fotografata è esposta al Victoria and Albert Museum di Londra.
Tuttavia il legame tra la Kelly di Hermès e il cinema non si esaurì con la fine della carriera di attrice della principessa di Monaco. Nel 2003 la celebre borsa fa la sua comparsa nel film Le Divorce di Ivory. Sarà grazie a questa infatti che la protagonista, interpretata da Kate Hudson, si trasformerà da comune ragazza californiana dal look casual in un’elegante donna parigina.
Hermes e il cinema

Hermès e il cinema: la borsa dedicata a Jane Birkin

Esistono diverse versioni dell’aneddoto riguardante la nascita della nota borsa Birkin di Hermès. Ideata da Jean Louis Dumas in seguito all’incontro con l’attrice Jane Birkin su un volo di linea nel 1984, la Birkin è la borsa più desiderata del mondo della moda.
Jane Birkin infatti durante quel volo si lamentò con Dumas della scarsa capienza delle borse. Non esisteva una borsa in grado di contenere tutte le cose che l’attrice era solita portare con sé. Da qui la trovata geniale. Da qui l’accessorio che poi prese il nome della sua ispiratrice. La borsa, pensata proprio per soddisfare le esigenze della donna contemporanea, è più grande della Kelly. L’idea era quella di una borsa che potesse contenere tutti gli effetti personali di una donna.
Sono molte le protagoniste femminili che nel grande schermo hanno avuto la fortuna di stringere tra le mani una Birkin: Gwyneth Paltrow nei panni di Margot Tenenbaum, Cate Blanchett in Blue Jasmine, Mimi Kennedy in Midnight in Paris. Anche il mondo delle serie TV ha trovato modo di rendere omaggio alla Birkin. Celebre è l’episodio di Sex and the City in cui Samantha, sfruttando il nome di Lucy Liu, tenta di evitare la lunga lista di attesa per poter acquistare una Birkin. O anche l’episodio di Gilmore Girls in cui Logan regala a Rory una Birkin, suscitando l’invidia della nonna Emily Gilmore.
 Hermes e il cinema

La Birkin: cifre da capogiro e liste d’attesa

Se alla fine, come si può vedere nel film Sex and the City 2, Samantha Jones riesce a sfoggiare una Birkin, non è detto che tutte possano essere altrettanto fortunate: la lista di attesa per l’acquisto può protrarsi fino a due anni. Senza menzionare il costo, non proprio per tutte le tasche. Il prezzo di una Birkin varia dagli 8000 euro fino ai 120.000, in base al materiale utilizzato per il modello richiesto.
Proprio nel 2016 la Birkin si è aggiudicata il primato di borsa più costosa al mondo. Con quasi 300.000 dollari infatti il modello di Birkin venduto lo scorso anno ad Hong Kong, si è battuto ogni record. Il modello in questione è stato realizzato con la pelle di un raro coccodrillo albino del Nilo, 245 diamanti e degli inserti in oro.
Quando si parla di Birkin dunque non si parla soltanto di una semplice borsa. O di uno degli accessori più ambiti al mondo.. La Birkin di Hermès infatti è uno dei pochi oggetti di lusso nella moda che non perde valore nel tempo, grazie al suo nome e soprattutto grazie alla qualità del prodotto stesso.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Related Post