Spider-Man: Homecoming

Spider-Man: Homecoming – Il nuovo Uomo-Ragno

Dopo tanta attesa esce Spider-Man: Homecoming il secondo reboot del franchise cinematografico di Spider-Man, sorto con il raggiungimento di un accordo tra Marvel Studios e Sony affinché il personaggio potesse essere ambientato all’interno del Marvel Cinematic Universe. Tutti estremamente entusiasti per questo giovanotto in calzamaglia ma cos’ha di speciale questa versione rispetto alle precedenti?

Spider-Man: Homecoming

Spider-Man: Homecoming

Il film inizia con la battaglia finale del film Captain America: Civil War, in cui venne presentata al pubblico la nuova versione di Spider-Man in un breve cameo di pochi minuti. Peter Parker (Tom Holland) non riesce a dimenticare quel giorno e disperatamente cerca di mettersi in contatto con Happy Hogan, assistente di Tony Stark/Iron Man, per ottenere un “lavoretto” da supereroe. Nell’attesa si allena sventando qualche piccolo furto e aiutando le persone nelle difficoltà quotidiane finché non si imbatte in un gruppo di malviventi che tenta di scassinare alcuni bancomat.

Peter Parker in una scena tratta dal film Spider-Man: Homecoming

Peter Parker in una scena tratta dal film Spider-Man: Homecoming

Lo scontro finisce con la fuga dei criminali ma con la consapevolezza che qualcosa di molto più grande e pericoloso stia bramando nell’ombra. Questa è l’occasione giusta per Peter di emergere e di riuscire ad ottenere il suo piccolo ruolo negli Avengers. A capo di questa banda di criminali che spaccia armi potenziate da materiali alieni, c’è Adrian Toomes, meglio conosciuto con il nome di Avvoltoio (Michael Keaton). Un personaggio sicuramente inquietante, spesso in volo con delle imponenti ali meccaniche e un casco integrale con gli occhi rossi.

Michael Keaton che interpreta l'Avvoltoio nel film Spider-Man: Homecoming

Michael Keaton che interpreta l’Avvoltoio nel film Spider-Man: Homecoming

Di grande effetto ironico è la scelta di iniziare il film con le riprese di Peter fatte con il suo smartphone. Il ragazzo è su di giri e accompagna lo spettatore con i suoi video amatoriali nella scoperta del “dietro le quinte” del combattimento con/contro gli Avengers. D’altronde si sa, Spider-Man è uno dei personaggi più esilaranti e divertenti del mondo Marvel – dopo Deadpool a mio parere – grazie alla sua pungente ironia adolescenziale che mira alla sdrammatizzazione del combattimento nonché dell’atto eroico.

Spider-Man in una scena tratta dal film Captain America: Civil War

Spider-Man in una scena tratta dal film Captain America: Civil War

Tony Stark ha un ruolo quasi paterno nel film. Segue Peter in ogni sua mossa, sa sempre cosa fa e dove si trova. Lo rimprovera per il suo eccessivo coraggio che lo porta a compiere gesti eroici senza averne concretamente le capacità e mettendo in pericolo se stesso e gli altri. È un padre severo e premuroso, nonostante sembri non voler ascoltare i suoi bisogni e le sue continue richieste d’aiuto. In realtà si dimostrerà più che consapevole di ciò che sta avvenendo. Non illudetevi, non è lui il protagonista della storia, lo vedrete in qualche scena di tanto in tanto.

Tony Stark e Peter Parker in una scena tratta dal film Spider-Man: Homecoming

Tony Stark e Peter Parker in una scena tratta dal film Spider-Man: Homecoming

Il nuovo Spider-Man porta una ventata di freschezza nel mondo Marvel. È un ragazzino di quindici anni che è in cerca della sua strada e la sua voglia di crescere spesso lo porta a fare scelte sbagliate. È un supereroe a tutti gli effetti ma poco consapevole di essere solo all’inizio di questo lungo percorso di crescita e di maturazione. Si divide tra il liceo e la lotta contro il crimine, dimostrandosi incapace nel gestire entrambe le situazioni. Tony tenta inutilmente di arginare il suo entusiasmo, cercando invano di riportarlo alla realtà e di incoraggiarlo nel proseguire con la sua normale vita da adolescente liceale.

La nuova versione di Spider-Man in una scena tratta dal film Spider-Man: Homecoming

La nuova versione di Spider-Man in una scena tratta dal film Spider-Man: Homecoming

Vogliamo parlare della versione sexy di zia May? Il personaggio è interpretato dalla bellissima Marisa Tomei che, nonostante la quantità di film in cui ha recitato, io ricorderò sempre come la frizzante cameriera nel film What women want. Ad essere onesti, a parte qualche particolare scena, il suo ruolo non risulta essere rilevante ai fini della trama. È noto che zia May non sia mai stato un personaggio principale anche nelle versioni passate ma in questo caso l’aspettativa era alta.

Zia May in una scena tratta dal film Spider-Man: Homecoming

Zia May in una scena tratta dal film Spider-Man: Homecoming

Se volete un’opinione spassionata, il film merita di essere visto. Ho riso di gusto dall’inizio alla fine, senza mai annoiarmi. Lasciatevi convincere anche voi da questa nuove versione rinfrescata di Peter Parker.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Related Post