luciana manco INSTAGRAM

Le donne della terra di @trips_i_take_on_google_earth

Instagram è uno dei social più amati ma al contempo più criticati degli ultimi anni. Molti accusano gli Igers di aver perso di creatività fotografando solo colazioni e cappelli vista mare, ma voi credete che sia davvero così’? Per sfatare questa diceria, la nostra rubrica è sempre alla ricercata di Instagramers originali, sorprendenti e mai banali.

Questa volta ci siamo imbattuti in @trips_i_take_on_google_earth, dei veri e propri viaggi virtuali compiuti girando per le strade del mondo grazie all’app Google Earth. Ogni viaggio ha qualcosa di speciale da ricordare che viene immortalato in uno screen e aggiunto alla galleria. Luciana Manco è il nome di questa viaggiatrice, scrittrice, sognatrice che quando è annoiata se ne va a scoprire posti e persone sparse intorno al globo.

luciana manco donne INSTAGRAM

Questi viaggi virtuali sono collegati alla passione di Luciana per la scrittura che lei alimenta costantemente prendendo ispirazione dal mondo esterno. Ma quando il reale viene meno ecco che entra in gioco la realtà virtuale. Così zoommando sempre più in profondità, lo schermo dello smartphone inizia a riempirsi di case, negozi, persone ma in particolare di donne. La donna è una costante fissa nelle immagini di Luciana e cattura la sua attenzione per il proprio modo di essere, di vestire, di muoversi. Ma perché proprio la donna?

Ci sono due motivazioni principali: la donna ha il potere di rendere prezioso e speciali ogni luogo grazie al suo passaggio; ma la motivazione più importante è quella che viene riassunta nei poetici versi della canzone di De Andrè “Le Passanti”: “Io dedico questa canzone ad ogni donna pensata come amore (…) A quella quasi da immaginare, tanto di fretta l’hai vista passare, dal balcone a un segreto più in là. E ti piace ricordarne il sorriso che non ti ha fatto e che tu le hai deciso in un vuoto di felicità. (…) si piangono le labbra assenti di tutte le belle passanti che non siamo riusciti a trattenere.

luciana manco donne INSTAGRAM

Per Luciana questi viaggi su Google Earth sono fatti di amori a prima vista che poi scivolano via una volta finito il marciapiede. Le emozioni di questo incontro sono documentate tramite le immagini che troviamo sul profilo e che vengono editate in modo da comunicare le sensazioni che lei stessa prova. Ogni donna deve avere qualcosa di speciale, che fosse anche solo il modo in cui ha la testa china sul cellulare perché è proprio questa sua peculiarità a rendere uno scatto perfetto e ad eleggerla come la persona di cui Luciana vuole dire: “ecco chi è il mio amore oggi”.

  • Presentati sono Luciana e amo perdermi negli altri
  • Luciana in 3 aggettiviattenta, immatura, empatica
  • Il lavoro dei tuoi sogni:  quello che faccio, solo che nel sogno mi pagano meglio
  • La musica che ti piace ascoltare la domenica mattinale voci per strada. Se non parla nessuno, allora i Sigur Rós, o i Marnero. In generale tutto ciò che fonde amore e disperazione
  • Cosa sceglieresti tra un muro colorato e una colazione:  una colazione. Non resisto al cibo.
  • Il luogo in cui ti identifichi: la camera da letto
  • Una galleria bianca o colorata completamente bianca. Un limbo
  • Se Instagram non esistesseallora vorrei ci fossero più Miroslav Tichý, tutti a costruirsi macchinette dai rifiuti, per rubare la vita degli altri
  • L’hashtag che ti rappresenta:  #people
  • Nelle tue foto non manca mai:  un soggetto femminile, presente o assente
  • Se mi girassi di spalle:  ti guarderei il culo, poi mi mancheresti
  • Se non fossi Luciana chi/cosa saresti:  un cane infedele, che cambia padrone ogni giorno. Ma che per quel giorno ama smisuratamente, tanta da dare la vita
  • Il tuo Instagramer preferito:  generalmente fotografi o artisti che usano anche instagram, non solo quello. Come Dido Fontana, charlie_davoli, iosonopipo etc.
  • Il tuo prossimo scatto in galleria:  una donna, ovviamente, e il mondo dietro, secondario.

luciana manco donne INSTAGRAM

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Related Post