matrimonio

Aiuto, sono stata invitata a un matrimonio!

Esiste qualcosa che è peggio del metabolismo che rallenta, dei postumi che si allungano e persino delle 8 ore in ufficio. Vi è qualcosa di ben peggio nel diventare grandi.

Il vero scotto per essere usciti indenni dall’adolescenza arriva dentro un’elegante busta cremisi e si chiama invito al matrimonio.

I matrimoni sono la più grave delle piaghe sociali. Cui nessun over25 è in grado di sottrarsi.

Li spacciano per feste a base di fiori freschi e open bar ma in realtà sono delle imprese che richiedono massicce dosi di poker face e prestanza fisica.

matrimonio

Vi siete mai chiesti perché tutte le più grandi storie d’amore finiscono con i protagonisti intenti a scambiarsi un romanticissimo bacio sotto la pioggia e non impalati davanti a un altare?

Perché i matrimoni piacciono solo a chi si sposa.

L’epopea inizia ben prima del fatidico giorno. Inizia con quell’arcaico rito chiamato Addio al nubilatomi limiterò alla versione al femminile perché degli addii al celibato ne ha già parlato (anche troppo) il cinema degli ultimi anni.

Se siete amiche della sposa la vostra tortura si anticiperà di un paio di settimane almeno. E sarete costrette ad andare in giro indossando ridicole coroncine pelose. Accompagnate da tipe sbronze che trovano spassosi e trasgressivi i gadget a forma fallica.

matrimonio

Oppure sarete obbligate a fingervi entusiaste all’idea di trascorrere un’intera giornata alla terme sorseggiando stucchevoli cocktail rosa. Che forse forse erano meglio le torte a forma di pene.

Poi arriva il momento di aprire il portafoglio.

Nessuno lo ammette mai – ché parlare di soldi è cafone – ma cavoli se costa essere invitati a un matrimonio. Essere invitati vuol dire prosciugarsi la tredicesima.

Prima di tutto c’è da pensare all’outfit. Non vorrete mica fare una brutta figura con lo sposa, no? E allora via a comprare un abito il cui prezzo sfiora quello di un mese d’affitto e che probabilmente non indosserete mai più.

Ancora più dispensioso è il regalo. Dispendio di danaro ed energia. Cosa regalare? Quale il perfetto presente che connubi originalità, praticità e che faccia sorridere gli sposi al momento dello scarto? Che un meteorite mi colpisca se esiste!

matrimonio

Più facile se i piccioncini hanno pensato a una lista nozze. Vi risparmierà ore e ore persi dentro negozi d’arredi. Ma al momento di inviare il bonifico sarete comunque costrette a eliminare dalla vostra wishlist Yoox quegli stivaletti di pelle per cui risparmiavate da mesi.

Passerete l’inverno con delle calzature fuori moda, ma vi consolerà l’idea dei neosposini che bevono salutari centrifughe grazie al super-tecnologico frullatore da voi generosamente donato.

Ci siamo, è arrivato il giorno del sì.

Giorno funesto in cui probabilmente pioverà – perché ai matrimoni piove sempre.

Giorno che inizierà con un infinito viaggio in macchina passato a imprecare contro il navigatore e le stradine di campagna nel quale vi porterà. Le cerimonie nuziali, d’altronde, sembra non possano essere celebrate a meno di millemila km lontani dalla città in cui vivete nonché da qualsiasi altro centro abitato.

matrimonio

Ore dentro un auto, con i finestrini chiusi per non rovinare la messa in piega per la quale vi siete svegliate all’alba. Non sedute ma solo appoggiate al sedile per non sgualcire la seta dell’abito. Cercando di sudare, traspirare e respirare il meno possibile per non far colare il trucco.

Arrivati a destinazione, l’aperitivo di benvenuto vi darà qualcosa che un benvenuto non è affatto. È più un bere prosecco mentre il vostro stiletto si conficca irrimediabilmente nell’umidiccio prato della fantastica location tutta gigli e fanghiglia.

matrimonio

A questo punto, sarete già piene. Di finger food e di alcol, bevuto per dimenticare il freddo boia che il vostro tubino non è in grado di contrastare. Ma sappiate che la salita è appena agli inizi.

La cena sarà lunga. Lunghissima. Più di un pranzo di Natale in Calabria. Più di quello per la fine del Ramadan.

Tris di antipasti, 2 primi, sorbetto, quattro secondi e buffet di dolci.

Si sa che dopo sposati si inizia a ingrassare ma dovrebbero esserlo gli sposi a farlo e non gli invitati tutti.

A proposito di invitati. Vogliamo parlare della fauna che popola le feste di nozze? Ai matrimoni ci sono tutti. La zia che continua a pizzicarti fino agli ematomi, il compagno di scuola con l’alitosi e quella sciacquina della ex del tuo ragazzo.

matrimonio

Tutti gli individui che con perizia e impegno sei riuscita ad evitare per anni saranno lì, sorridenti al tavolo accanto al tuo.

Finita la cena, si gioca. Yuppi!

Scommetto che non vedevate l’ora di scoprire il piatto preferito dello sposo, il cocktail con cui la sposa prese la prima sbronza e la quantità di dvd che la dolce coppietta consuma in una settimana. Tutte interessantissime informazioni svelate dai simpatici quiz organizzati dalle damigelle.

Infine, si balla. Doppio Yuppi!

matrimonio

I pochi bambini ancora svegli continueranno a lanciarvi addosso il riso rimasto, con una crudeltà tale da rendere chiaro che neppure loro sono felici di essere stati inviati. Il testimone sbronzo ci proverà spudoratamente, anche davanti al vostro ragazzo, anche davanti alla sua di ragazza.

Mentre la sposa, suadente, vi chiederà: Ti stai divertendo?

E voi sarete costrette a rispondere di sì mentre la verità è che, cari sposini, siamo davvero felici del vostro amore, la prossima volta però, festeggiatevelo tra voi.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •