Il filo di Nicky #9

Il filo di Nicky #9

Il filo di Nicky #9 – ebbene sì – quel nove sta per nove mesi. Immediato il collegamento con l’attesa di una nuova vita che sta per nascere – o rinascere?

Per la nostra Nicoletta Crisponi – travel blogger impegnata in un giro del mondo attraverso i contatti social – nove mesi significano 22 Paesi visitati, tante conoscenze, innumerevoli cambiamenti ed emozioni uniche.

Ho trovato la bellezza del passo lento, la pazienza di aspettare (perfino in coda), l’amore del mio corpo, la fiducia nel fato o destino che vogliate chiamarlo, amici speciali, amori intensi, colori mai visti e brividi mai provati.

Stati visitati: 22

India, Sri Lanka, Maldive, Nepal, Cina, Hong Kong, Giappone, Malesia, Filippine, Vietnam, Cambogia, Thailandia, Indonesia, Singapore, Australia, Hutt River Province, Nuova Zelanda, Stati Uniti, Messico e Cuba, Perù e Cile.

Il filo di Nicky

Il filo di Nicky #9: di cosa puoi far a meno?

L’esperienza ci porta ad avere più cognizione di noi stessi, del contesto e degli altri. Dopo innumerevoli incontri ci si rende conto davvero di cosa fa per noi e cosa no. In un viaggio lungo nove mesi ci si trova ad affrontare diverse situazioni e si fanno molte conoscenze.

Nicky si è misurata con diverse sfide e ora sa di poter fare a meno della compagnia di “persone infelici, polemiche e dannose che passano le loro giornate ad inquinare sé stesse con pensieri negativi per poi andare a contaminare anche gli altri con un’insofferenza senza tregua”.

Ecco, ho imparato a lasciar andare tutto questo non solo per egoismo, ma anche come presa di coscienza dei miei limiti e non potendo risolvere o aiutare preferisco far a meno di queste persone, almeno fin quanto non troveranno un loro equilibrio.

Il filo di Nicky #9: cosa non ti manca?

La routine di Nicky in questi nove mesi ha subito degli evidenti stravolgimenti. La vita da travel blogger non è di certo paragonabile a quella di chi svolge un lavoro d’ufficio o di altro tipo. Niente cartellini da timbrare, niente più orari da rispettare, niente più mezzi pubblici a Milano nelle ore di punta.

Ora è così tanto che non mi succede di correre in banchina per non perdere un solo minuto che mi rendo conto quando quel correre per far parte di una massa non mi manchi.

Il filo di Nicky #9: cosa ti manca?

Ovviamente, ci sono i pro ma anche i contro di una vita non proprio regolare. Dopo nove mesi in giro per il mondo, impossibile non essere scombussolati da jet lag e cambiamenti continui. E alla nostra Nicky manca il sonno profondo e ristoratore…

…Senza però ritrovarti alle 8:30 con gli occhi sbarrati per colpa di quel maledetto metabolismo che non si ricorda nemmeno più lui come rilassarsi e abbandonarsi al torpore del piumone.

Il filo di Nicky

Il filo di Nicky #9: cos’hai imparato?

Il respiro è vita. Sembrerà scontato, ma nella frenesia di tutti i giorni è facile dimenticarsene. E Nicky se ne è resa conto in un trekking a 5000 m di altezza.

Ho imparato che senza ossigeno la testa scoppia e il corpo non cammina. Sulle montagne colorate in Perù, l’ossigeno scarseggia e la testa comincia a girare, le gambe si fanno pesanti e tutta la macchina si blocca.

Il filo di Nicky #9: Le tre cose che ricorderai per sempre

#1 Snorkeling con lo squalo balena a Holbox, in Messico

In un attimo il suo muso enorme ti arriva ad un metro di distanza. Il cuore batte all’impazzata ed è un’emozione pazzesca.

#2 Nuotare nei cenotes messicani

I cenotes sono grandi pozze d’acqua nascoste in grotte o in mezzo alle foreste, scoprirli e nuotarci è qualcosa da provare almeno una volta nella vita.

#3 Il trekking per raggiungere Machu Picchu

Aspettavo di arrivarci da una vita e la faticosa attesa fino alla cima ha reso questo momento ancora più speciale.

Il filo di Nicky #9: chi è Nicky oggi?

In nove mesi di viaggio si scoprono un’infinità di cose sul mondo in cui viviamo ma anche su noi stessi. Nuovi lati del nostro carattere, nuove passioni e vecchi amori…Nicky oggi è un’amante del trekking!

Ho camminato così tanto nelle ultime settimane che le mie gambe sono ancora più forti dopo tante salite. Sono sempre stata una gran camminatrice e solo quando tre anni fa venni investita attraversando la strada mi sono resa conto ti quanto siano preziose e non smetterò di camminare finché riuscirò a reggermi in piedi.

Siamo quasi arrivati al traguardo dei 12 mesi, continuate a seguire il filo di Nicky e non perdetevi gli ultimi aggiornamenti su TATs.

Per saperne di più www.ilfilodinicky.com

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Related Post