Dopo la descrizione generale del nostro Japan Journey, iniziamo con gli approfondimenti partendo dagli advice, cioè i consigli utili per affrontare una meta come il Giappone.

Impossibile negarlo, il viaggio giappo-fai-da-te è impegnativo sotto ogni aspetto.

Dall’organizzazione alla realizzazione servono impegno, forza di volontà e una buona dose di pazienza per capire cosa prenotare, dove andare e come muoversi. Niente allarmismi, tutto è fattibile basta non essere precipitosi e leggere con calma le numerose informazioni disponibili su blog e guide ben fatte, come l’eccezionale Lonely Planet. Certo se siete in cerca di una vacanza easy senza intoppi, l’unico consiglio è… Cambiate destinazione subito!

Per essere sicura di non dimenticare nulla, ho chiesto aiuto ai miei cinque fantastici compagni di viaggio.

Ognuno di loro ha trovato un suggerimento da dare a chi vuole avvicinarsi al magico e complicato mondo Japan.

Vediamo allora più nello specifico quali dritte seguire per schivare i guai e partire a cuor leggero.

Mappa della metro di Tokyo

Mappa della metro di Tokyo

Organizational tips

Giulia: organizza tutto da casa.

Il primo step di progettazione è fondamentale per un buon esito del viaggio. La ricerca accurata e lo studio delle notizie è un processo da svolgere con la massima attenzione.

Il web è una fonte inesauribile di dati di ogni genere. Dopo una lettura delle principali informazioni sul Paese, decidete le tappe del viaggio e l’itinerario da seguire. A questo punto potete circoscrivere l’indagine alle città e alle mete prescelte per capire come arrivarci, dove alloggiare e cosa vedere.

Non serve inventarsi l’acqua calda, basta leggere la recensione di qualcuno che è già stato negli stessi posti per vedere cosa fare e cosa non fare. Informatevi sugli abbonamenti dei mezzi, sulle diverse tariffe esistenti e prenotate da casa più spostamenti possibili.

Anche gli alloggi devono essere tutti bloccati con largo anticipo in modo da evitare prezzi elevati. Il Giappone non è certo il paese del “quando sono lì vedo cosa fare” a meno che non abbiate disponibilità di spesa illimitata. Ogni cosa deve essere pianificata nel dettaglio. Ad esempio è utile avere cartine o stampe di mappe che indicano come raggiungere hotel o luoghi d’interesse.

Mappa con la pianificazione dell'itinerario

Mappa con la pianificazione dell’itinerario

Life style advice

Anansa: Sii pronto ad adattarti.

Tra le prime cose a cui bisogna abituarsi menzionerei: il fuso stravolto, le bacchette per mangiare, gli orari e le abitudini completamente diverse ed una concezione degli spazi vitali abbastanza singolare.

La stanchezza del viaggio si farà sentire e il caldo umido della stagione estiva potrebbe non semplificare le cose. I Giapponesi mangiano presto quindi attenzione agli orari di chiusura dei ristoranti –alle 8 potrebbe essere già tutto chiuso fuori dalle grandi città.

La stessa cosa vale per i luoghi turistici che spesso chiudono intorno alle 18 o prima. Informatevi con anticipo per non rischiare di fare viaggi a vuoto. Inoltre fate attenzione: alla discrezione dei giapponesi, alle aree dedicate ai fumatori, alla massima pulizia di tutti gli ambienti, alle scarpe che devono essere tolte all’interno dei locali e alla puntualità dei mezzi.

Bacchette per tutti i gusti

Bacchette per tutti i gusti

Food tips

Davide: Preparati a dimagrire.

I sapori sono senza dubbio differenti rispetto a quelli della nostra cucina. Questo non significa che i piatti non siano buoni, dipende molto dall’abitudine ai gusti particolari.

La cucina giapponese è composta da numerose pietanze, non esiste solo il sushi, anzi troverete con maggior facilità ramen e udon –noodles in brodo con carne, pesce o verdure. Il pesce è ottimo e freschissimo, perfetto da gustare crudo. Il cibo è comunque più leggero per lo scarso uso di condimenti e per le cotture più salutari.

Undon al nero di seppia con verdure

Undon al nero di seppia con verdure

Language problems

Valentina: Preparati a non essere capito.

Ormai è risaputo che in Giappone in pochi parlano bene l’inglese – anche in Italia uno straniero alla ricerca di indicazioni non se la passa benissimo, quindi abbiamo poco da criticare visto che dovremmo essere abbastanza abituati all’incomprensione reciproca.

Niente panico di fronte a cartelli, segnaletica e menù incomprensibili. Mettete in atto tutti gli stratagemmi possibili.

Ad esempio: materiale cartaceo da mostrare –cartine, biglietti da visita, stampe di prenotazioni con i nomi dei luoghi da raggiungere o dei mezzi da prendere-, Google Translator sul vostro cellulare connesso a qualche rete wi-fi o su quello di qualche buon samaritano locale, frasari per le necessità più semplici e i cari vecchi gesti per tutto il resto.

I giapponesi sono un popolo riservato ma estremamente disponibile, vi capiterà di essere accompagnati direttamente nel luogo richiesto.

Tabella con orari e linee dei mezzi

Tabella con orari e linee dei mezzi

Climate Issues

Gigi: Occhio ai monsoni.

Il caldo estivo è abbastanza torrido e potreste imbattervi in qualche tifone di passaggio.

Agosto non è il mese migliore per visitare il Paese, ma per molti viaggiatori –noi compresi– non è possibile fare diversamente.

La primavera è il periodo più consigliato per via della fioritura dei ciliegi che rende i paesaggi ancor più meravigliosi. Se non avete questa possibilità nessun problema, basta mettere nello zaino vestiti leggeri, una mantella e un ombrello.

Temporale in avvicinamento

Temporale in avvicinamento

Per finire, il mio consiglio è: godetevi a pieno tutti i momenti.

Sarete dall’altra parte del mondo, non solo dal punto di vista geografico ma anche culturale. Ogni cosa va presa con filosofia nel massimo rispetto delle abitudini e delle tradizioni locali.

Siate pronti a sorridere di fronte a vestiti stravaganti, oggetti assurdi o a comportamenti ai nostri occhi bizzarri. Questo è il bello del viaggiare, riuscire a guardare tutto con gli occhi di un bambino per stupirsi sempre delle cose grandi ma anche di quelle piccole.

Concluso questo breve excursus sui principali consigli da seguire, il prossimo capitolo sarà dedicato ai posti da vedere. Non perdetevi assolutamente la lista dei luoghi da visitare!

Puoi trovare quest’articolo anche su Edicola di CittàWeb!!