I Boreali 2018 è il festival dedicato alla letteratura nordica.

I paesi del nord Europa sono da noi ammirati perché più evoluti e ordinati, abitati da donne emancipate e bambini che parlano un inglese perfetto. Quel che molti non sanno, però, è che gli stati nordici sono da ammirare anche per la loro letteratura.

Se non ci credete è perché non avete mai letto un libro Iperborea. La casa editrice che pubblica solo autori provenienti da Finlandia, Islanda, Svezia, Norvegia, Estonia, Belgio e Olanda. E che, da quattro anni, dedica a loro un intero festival.

I Boreali 2018 – Nordic Festival si terrà a Milano, dal 22 al 25 febbraio, e avrà sede nelle sale del Teatro Franco Parenti.

Offrendo ai partecipanti l’occasione di una full immersion nel mondo e nella cultura nordica.

Quattro giorni di incontri con intellettuali e scrittori, una serata a base di musica scandinava, proiezioni cinematografiche, reading, corsi di lingua, laboratori per bambini e, per concludere a pancia piena, un brunch, ovviamente nordico.

Tra gli ospiti arrivati in Italia per l’occasione, lo scrittore islandese Jón Kalman Stefánsson, lo svedese Steve Sem-Sandberg e la danese Siri Ranva Hjelm Jacobsen. Cui faranno da spalla gli italiani Giacomo Papi, Andrea Vitali e Fulvio Ferrari. Giusto per citarne alcuni.

La sezione cinema, in occasione del centenario dalla nascita, proporrà una rassegna dedicata al regista Ingmar Bergman. Con film in lingua originale, merce decisamente rara di questi tempi.

Per chi del Nord ama anche la lingua, è pensato l’incontro con la traduttrice Margherita Carbonaro. Mentre i più piccini saranno i protagonisti di divertenti letture animate.

E visto che i nordici, a quanto pare, sanno anche divertirsi, venerdì 23 ci sarà I Boreali Party. Con esibizioni live di artisti arcinoti e talenti emergenti. Tutti del nord e tutti desiderosi di veder ballare il popolo italiano.

Infine, una buona notizia anche per coloro che non stanno a Milano. I Boreali 2018 sarà in tour per tutto l’anno. A giugno sbarcherà a Venezia, per poi passare a Cagliari e, in ottobre, a Udine.