Ebbene si, Karl Lagerfeld diventa scultore, e lo fa nel migliore dei modi, come sempre.
Con il supporto tecnico dell’architetto Aline Asmar d’Amman ha potuto dar forma a delle idee che aveva finora sviluppato solo in bozzetto, ed è subito evento.
Infatti fino al 22 dicembre alla Carpenters Workshop Gallery, al 54 di rue de la Verrerie a Parigi sarà possibile ammirare e toccare con mano queste nuove creazioni. Anche il luogo non è casuale; la location ha un concept che prevede l’unione di moda, arte e design. Come rappresentare al meglio il talento di Karl Lagerfeld?

 

Karl Lagerfeld presenta Architectures

Karl Lagerfeld presenta Architectures

La mostra di Karl Lagerfeld è intitolata Architectures e comprende una collezione di sculture dall’ animo classico ed elegante. Un composizione di tavoli, specchi, lampade e consolle viene osannata come su un altare, valorizzata da marmi bianchi e neri dai disegni venati. La collezione di perfette geometrie di altri tempi è in vendita con pezzi limatati in più varianti cromatiche e materiche timbrate dalla mano artigianale italiana.

Karl Lagerfeld e il design

Tutti conoscono Karl Lagerfeld proprio nella veste di stilista. Ma pochi sanno delle sue esperienze che hanno completato la sua figura professionale. Karl Lagerfeld, infatti, debutta nella fotografia già nel 1987. Nel mondo del design invece un po’ più tardi quando, nel 2013, mette a fuoco alcuni arredi del brand Cassina. Nel libro edito da Gerhard Steidl Cassina as seen by Karl  lo vediamo raffigurato alle prese con la sedia 699 Superleggera di Gio Ponti o la poltrona LC2 di Le Corbusier, Pierre Jeanneret e Charlotte Perriand. Qui si staccano gli arredi dal loro ambiente abituale e si illuminano come se fossero delle sculture, questo il concetto di Karl Lagerfeld. Ecco un primo richiamo a quello che oggi è diventata la sua ultima, solo in ordine di tempo, esperienza creativa.

Karl Lagerfeld _ design

Volete scoprire qualche curiosità in più sulle tendenze di design? Scopritele qui.