La stampa 3d è il nuovo trend tecnologico, sogno che diventa realtà di tutti i designer, gli architetti, gli ingegneri e anche gli artigiani 2.0. Insomma una vera e propria rivoluzione che abbraccia il mondo del design, della produzione e della progettazione di oggetti di varia natura. Da sedie a gioielli, da scarpe a protesi biomedicali…Con la stampa 3d è possibile creare davvero di tutto.

Nata alla fine degli anni ’80, la stampa 3d si è modificata molto. Da una parte ci sono macchine domestiche, sicuramente più economiche, ideali per creare prototipi. Dall’altra ci sono costose macchine professionali che consentono di realizzare prodotti pronti per la vendita.

stampa 3d vasi

COME FUNZIONA UNA STAMPANTE 3D?

L’oggetto finale nasce da una sovrapposizione di strati bidimensionali. Il macchinario utilizza questa procedura a livello microscopico, riproducendo velocemente l’oggetto disegnato in 3d rispettandone forma, colori e volumi.  Strato su strato, seguirà minuziosamente il disegno prestabilito, emettendo uno speciale inchiostro che si solidifica e, nell’insieme, crea il manufatto.

Al momento i materiali più usati nello processo di stampaggio 3d sono plastica, sostanze bio-plastiche, vetro, legno e metalli. Visto però il crescente interesse nel settore manifatturiero, si stanno sperimentando anche materiali più ecologici e riciclabili come sabbia, sale e argilla.

stampa 3d bicchieri

APPLICAZIONI NEL DESIGN

Nell’ambito del design, la stampa 3d sta avendo ampio spazio. Attraverso questa novità, i designer sono liberati dai vincoli dell’economia e aperti a progetti, forme e soluzioni mai viste prima. Sono chiamati a cogliere  una serie di concetti progettuali del tutto nuovi rispetto al mondo stretto del design tradizionale.

Il designer italiano Denis Santachiara è noto per la sua opera trasversale che spazia tra le arti e le nuove tecnologie. Ha cominciato a occuparsi di digital fabrication nel 2005 e, dopo anni di sperimentazioni, ha lanciato Cyrcus, una piattaforma online in cui l’acquirente può acquistare oggetti di vari designer realizzati con tecniche di stampa 3D, in qualche caso anche personalizzabili.

stampa 3d nader

Nader, salsiera di Denis Santachiara

Per Ross Lovegrove la stampa 3D garantisce un accesso privo di qualsiasi restrizione a strutture completamente tridimensionali e a geometrie che non sono più limitate dalle metodiche attuali di manifattura analogica. Nel 2006 ha sperimentato le potenzialità della stampa 3D creando un concept di scarpe da donna Ilabo, composte da un materiale morbido molto simile alla gomma.

stampa 3d scarpa lovegroove

La stampa 3d sta trovando campi d’applicazione sempre più vasti come ad esempio quello sanitario per creare organi “gemelli”. Con stampanti di grandi dimensioni sono già state realizzate automobili e case. Addirittura c’è già la stampante 4d che crea strutture a mosaico dette cinetiche, come lo spettacolare vestito in 4D Kinematics, che farà parte della collezione permanente del Moma di New York.

.