La ricerca di  stile è una costante nel mondo della moda, ma non solo. Anche la sala da bagno, in un’abitazione, oggi si pone allo stesso livello tra gli ambienti su cui concentrarsi per ottimizzare spazi e funzionalità. Così come un abito, anche la casa richiede una attenzione costante al dettaglio e alle tendenze per poterne godere il massimo confort.
Sul fronte delle regole basilari degli interni del locale bagno Cersaie detta legge per finiture, materiali e rivestimenti; anche quest’anno propone regole ben precise accolte di buon grado dalle aziende produttrici. Non di seconda importanza è l’arrivo del Salone del Mobile il prossimo aprile che completa la presentazione di tutto ciò che una casa richiede, come sempre anno per anno.

bagno_cersaie_lupi_ceramicaflaminia

I temi che vengono toccati viaggiano su binari adiacenti accogliendo un riscontro positivo nei target di clientela. Attenzione però, gli stili sono ben scanditi ma questo non impedisce di mixare elementi diversi tra loro ottenendo una composizione personalizzata del bagno a propria immagine e somiglianza.

Non bisogna dimenticare che non si inventa nulla di nuovo e che tutto ritorna. Infatti un tema plurinominato è la ricomparsa di tendenze che sembravano ormai abbandonate da tempo come poteva essere un bagno classico. In più si affianca una sempre più forte consapevolezza della qualità e della natura del materiale. Ci si sbizzarrisce, poi, con temi alternativi legati alla grafica e alla composizione, spesso per potenziare o sdrammatizzare spazi sempre più angusti che torturano la casa moderna.

ceramicaflaminia_minimal_bagno

Il classico va di moda

Non creiamo falsi allarmismi. I bagni classici del nuovo millennio hanno solo un vago collegamento con i tradizionali bagni da palazzo. La sagoma resta ma i materiali sono moderni. I colori a volte sono esasperati per movimentare con la posa delle piastrelle. La combinazione si può perfettamente abbinare a dei mosaici per ricreare un effetto ricco con dettagli luccicanti. Oppure un altro accostamento evergreen si conferma il marmo. Questo materiale risulta sicuramente costoso e delicato nell’utilizzo.  Per ovviare a tale ostacolo la tecnologia ci supporta con gres porcellanato dallo stesso effetto finale di finitura. L’aspetto risulta inalterato è si conserva un bagno prezioso dal sapore retrò. Il contrasto bianco/nero che ritorna sempre al concetto classico completa l’opera come in alternativa la tendenza di utilizzare materiali naturali per un grande effetto tattile e visivo.

cersaie_flaminia_classic

Ceramica Flaminia

Il problema mini bagno

Una problematica a cui rispondere è l’ infelice dimensione sempre più ridotta del bagno di oggi. Risultano infatti troppo piccoli per potersi muovere liberamente, comportando enormi difficoltà a volte anche per l’inserimento dello stretto necessario. Le aziende incontrano la richiesta realizzando moduli più piccoli e composizioni studiate al centimetro per liberare il flusso di spostamenti all’interno dello spazio.

Per potenziare il look di un mini bagno le tendenze propongono colori neutri dalle sfumature calde . Questo permette di ottenere un effetto amplificato dell’ambiente. I blocchi sono accostati in tono su tono e possibili integrazioni prevedono elementi in legno, meglio se più naturale possibile. Il legno non è più un materiale da vedere solo nella zona giorno. Se ne possono valorizzare gli aspetti estetici come nodi e venature. I dettagli erbosi come complemento lasciano raggiungere l’elevata posizione di angolo spirituale zen.

ceramica-flaminia_lavabo_zen

Ceramica Flaminia

Il must minimalista

Il moderno ora convertito in minimal resta lo stile preferito nel bagno ed è uno dei must dell’anno per cura dei dettagli. Non si parla solo di forme pulite, geometriche o spigolose ma anche di essenzialità e ricerca tecnologica. La scossa apportata al classico total white è la rivoluzione del colore che sposta l’attenzione su toni pastello tra il rosa e l’azzurro, i colori della terra tra argilla e tortora e infine presenta la new enry dell’anno denominato greenery. Il greenery è stato certificato dall’istituto Pantone e annuncia notevoli cambiamenti. Colore significa anche effetto grafico: la sensazione di camminare sull’erba o di toccare un tessuto grezzo. La grafica diventa sensoriale e si ispira ad elementi esistenti che possono moltiplicare il carattere visivo.

bagno_cersaie_ceramicaflaminia

Ceramica Flaminia risponde

Ceramica Flaminia si presenta come un brand capace di rispondere a tutte le richieste estetiche. E’ forte sul mercato ed unico per il gusto.
Per la costante evoluzione della ricerca di stile negli ambienti intimi dell’abitazione Ceramica Flaminia reincarna il gusto estetico che si adatta alla ricercatezza dell’arredo. Lo stesso brand offre una precisa scaletta di dettagli per l’arredamento del bagno 2017 che hanno rinnovato lo spazio wellness. Non dimentica nessun angolo di questo prezioso ambiente, sempre più da valorizzare.

Sul tema classico si propone con una versione di ceramiche tradizionali puntando sul fascino del lusso rivisitato. Riprende una parte di collezione d’archivio con la serie Efi che si sposa con una vasca con piedini per una sala da bagno da casa reale.

Per i piccoli bagni Ceramica Flaminia propone la versione Mini App. I sanitari della linea App vengono rivisti nelle dimensioni portando la profondità  ridotta per una installazione libera da vincoli architettonici. Non si rinuncia nemmeno alla vasca che viene a sua volta proporzionata con Wash 150.
Per celare in secondo piano l’aspetto dimensionale Ceramica Flaminia gioca su un’ampia gamma di colori. Applica così sui sanitari i toni pastello o i colori della natura restando al passo con la moda. L’occhio resterà affascinato da insoliti abbinamenti e il bagno diventerà un locale più animato pur mantenendo tutte le sue funzionalità.

Ceramica Flaminia

Ceramica Flaminia