I sandali li abbiamo già ai piedi, l’afa ci arruffa i capelli e i Mohito hanno preso il posto del Negroni. Per dirla senza perifrasi, l’estate si avvicina. Le ferie, invece, non sono così imminenti, non per tutti. Mentre i più fortunati hanno già tirato fuori i costumi, altri pensano ai due – se va bene – mesi che li aspettano. Mesi da passare a starnutire sotto l’aria condizionata degli uffici, in una città deserta e che di marittimo ha solo l’umidità. Amici stakanovisti, è a voi che è dedicato questo post. Non disperate.

Costretti a Milano? L’estate di Palazzo Reale non è poi così male.

Anzi, l’estate di Palazzo Reale è una gran figata, ed è pure gratis. Per il terzo anno consecutivo, continua l’iniziativa di uno dei musei più importanti del capoluogo lombardo. Un progetto che, per dirla con le parole dell’assessore Del Corno, mira a presentare «al pubblico uno spaccato della creatività contemporanea». Da giugno a settembre le sale del palazzo ospiteranno ben 3 mostre, tutte dedicate ai tra i più grandi maestri dell’arte odierna.

ALIK CAVALIERE. L’UNIVERSO VERDE – 27 giugno/9 settembre

Sono trascorsi vent’anni dalla morte di Alik Cavaliere, ma la sua arte, come quella di tutti i più grandi, è viva e vegeta. E Milano la celebra con una mostra sparsa per tutta la città. A Palazzo Reale si troveranno le sue opere dedicate al tema della natura, dai monumenti degli anni ’60 all’irripetibile installazione La Grande Dafne datata 1991.

PINO PINELLI. PITTURA OLTRE IL LIMITE – 10 luglio/16 settembre

Pino Pinelli ha iniziato la propria carriera nel mondo dell’arte intorno agli anni Settanta. Oggi è un artista apprezzato a livello internazionale. Un pittore che ha superato la tradizionale forma-quadro, concentrandosi sul colore. Il risultato è un nuovo genere di pittura monocromatica.

 

BONALUMI 1958-2013 – 13 luglio/30 settembre

Agostino Bonalumi è la prova che anche quegli imbruttiti dei milanesi nascondono un lato creativo. Dopo aver esordito accanto a Piero Manzoni nel 1959, ha trascorso il mezzo secolo successivo a stupire il mondo dell’arte con opere stravaganti e complesse. 120 di queste si troveranno per tutta l’estate a Palazzo Reale.

Una volta arrivati all’estate di Palazzo Reale, basta fare qualche metro in più e vi troverete al Museo del Novecento. Anche lì vi aspetta una chicca:

AGOSTINO FERRARI. SEGNI NEL TEMPO – 22 giugno/28 ottobre

Un altro Agostino, un altro artista milanese. Esplorato in tutte le forme della sua creatività: opere dalle dimensioni macroscopiche e dipinti minuscoli. Carte, schizzi e appunti. Una vera e propria full immersion nella mente geniale di Agostino Ferrari.