L’estate è alle porte, ma non si direbbe. La primavera è stata a dir poco piovosa e la voglia di uscire ci abbandona. Passeggiare con l’ombrello piace a pochi. Ma per chi non volesse cedere alle lusinghe del divano, ci sono sempre le mostre, ben protette dalla pioggia. Ecco le più interessanti mostre da vedere:

Per chi non è immune al fascino di Leonardo Da Vinci

In occasione dei 500 anni dalla scomparsa del grande genio, sono diverse le mostre in suo omaggio. Leonardo Da Vinci: la scienza prima della scienza è una mostra molto interessante che si terrà fino al 30 giugno presso le scuderie del tribunale di Roma. Si tratta di un percorso conoscitivo alla scoperta del grande artista, ingegnere, umanista. Raccontato all’interno del dinamico contesto artistico e culturale che ha caratterizzato il periodo tra il ‘400 e il ‘500 italiano.

A Milano, invece, la Biblioteca ambrosiana ha allestito un ciclo di mostre finalizzato alla scoperta di un suo grande capolavoro, il Codice atlantico. La seconda parte, dal 19 marzo al 16 giugno 2019, proporrà alcuni progetti per macchine belliche, ma si concentrerà in modo particolare sugli studi d’ingegneria civile.

Per chi è interessato al tema delle donne

Alla Galleria d’Arte Moderna di Roma si tiene fino al 13 ottobre la mostra Donne. Corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione, una riflessione sulla figura femminile attraverso personaggi appartenenti a diverse correnti artistiche e culturali che hanno rappresentato e celebrato le donne. La mostra si focalizza sull’arco temporale che va da fine Ottocento fino ai giorni nostri.

Per chi è attratto dagli intrighi di corte e dagli antichi romani

Il museo di Roma fino al 22 settembre con Roma nella camera oscura presenta l’arte fotografica a Roma dalla sua nascita ai giorni nostri. Comprende immagini dei più celebri monumenti della città caput mundi (antichi e moderni) e alcuni ritratti di personaggi in un viaggio emozionante attraverso gli anni.

Presso il Museo dell’Ara Pacis a Roma fino al 27 ottobre, è appena stata inaugurata la mostra Claudio Imperatore. Messalina, Agrippina e le ombre di una dinastia che vuole raccontare l’imperatore Claudio della dinastia Giulio-Claudia, prendendo le mosse dal confronto con il celebre fratello e cercando di approfondire anche il carattere dell’uomo e la capacità amministrativa e politica dell’imperatore. Questo è realizzato attraverso il confronto tra la documentazione archeologica e il racconto degli storici, spesso poco indulgenti con lui. Soddisfa le curiosità, spesso poco indagate a scuola, sui rapporti controversi tra Claudio e le sue mogli.

Per chi ama Salvador Dalì o Matera

Ricordando che Matera è la Capitale europea della cultura 2019 non potevamo tralasciare la grande mostra che sta ospitando: Salvador Dalí – La persistenza degli opposti. Questa esposizione durerà fino al 30 novembre 2019.

Per chi pensa che Venezia sia sempre una buona idea

La Biennale di Venezia è la prestigiosa fondazione che ogni due anni dedica all’arte un’esposizione internazionale. Questa 58esima edizione come sempre ai Giardini e all’Arsenale, intitolata May you live in interesting times, si terrà dall’11 maggio al 24 novembre 2019. Il titolo è un’espressione della lingua inglese che evoca periodi di incertezza, crisi e disordini: “tempi interessanti”, come quelli che stiamo vivendo.

Per gli appassionati di montagna

È stato recentemente aperto – il 20 dicembre 2018 – Lumen, un museo interamente dedicato alla fotografia di montagna. Si tratta di uno spazio espositivo di vaste dimensioni collocato sulla cima del Plan de Corones a 2.265 (in Alto Adige, nel cuore delle Dolomiti), che racconta la storia della fotografia di montagna dagli esordi sino ad oggi e l’arte dei fotografi di montagna di tutto il mondo.

.