Un toro a testa in giù con la testa poggiata su una cartina-specchio di Milano, composta dalla sovrapposizione dei continenti, si trova ora in uno dei luoghi di Milano prediletti per lo shopping: Via Torino, dove resterà fino al 3 maggio 2018.

Si tratta di una scultura eseguita dall’artista toscano Christian Balzano, alta 3 metri e 20 e chiamata Io siamo resilienza.

io siamo resilienza

L’opera attira inevitabilmente la curiosità dei passanti, c’è chi si ferma per osservarla, fotografarla o toccarla e chi si scatta un selfie con il toro. Riassume le tematiche che Balzano ha indagato nel corso degli ultimi dieci anni. Una riflessione profonda sull’essere umano immerso nel tempo presente.

L’opera evoca forza, slancio, potenza, dinamismo e speranza. Concetti che vengono strettamente legati anche alla città di Milano. È un invito da parte dell’artista ad avere il coraggio di osare e di superare i momenti difficili.

io siamo resilienza

Io siamo resilienza in mostra

Io siamo resilienza è parte integrante dell’omonima mostra che include 30 dipinti e alcune sculture che ripercorrono la carriera artistica di Balzano e le sue riflessioni sulla dimensione più profonda dell’essere umano. È un invito all’azione, a cogliere ogni giorno il kairòs, il momento giusto. A prendere “il tono per le corna”, a reagire, senza lasciarsi abbattere, qualsiasi cosa accada.

L’arte costituisce in assoluto la prima forma di resilienza, che ci permette di superare le differenze e i cambiamenti, trasformandoli in opportunità, rinascendo dagli incidenti e prendendo coscienza di ciò che ci circonda, per poi ripartire, più forti di prima, senza lasciarci abbattere dalle avversità dettate dal destino.

La mostra Io siamo resilienza è in corso nella sede di Banca Generali Private, in Piazza Sant’Alessandro, proprio sul sagrato della bella chiesa barocca. Per vederla avete tempo fino al 27 aprile.

io siamo resilienza

Per incuriosirvi, vi lasciamo con le parole di Marco Bazzini, che di Io siamo resilienza ha curato l’esposizione:

Nelle opere dell’artista livornese le diversità aiutano a esplorarsi, a guardarsi dentro. Porsi di fronte alle pitture o alle sculture di Balzano significa iniziare una nuova avventura nel profondo labirinto di noi stessi, svelare e scavare nel nostro istinto, come di fronte ad uno specchio. D’altronde non casuale che uno dei caratteri dominanti del suo lavoro siano fondi oro o altre superfici riflettenti.