ALERT: Testo ad alto contenuto Hipster.

Cosa c’è di più cool di un evento di urban art a NoLo? È il ZuArtDay ad aggiudicarsi il titolo di manifestazione più smart dell’anno. C’è il quartiere simbolo della gentifrication milanese. Lo stile artistico che più aggrada gli amatori cittadini. Una radio popolare, un dj e un manipolo di artisti in collaborazione.

Lo ZuArtDay di quest’anno si è svolto sulla facciata del B&B Zuretti 61, in Vicolo del Fontanile. Ha visto artisti italiani ed europei, tutti di fame internazionale, collaborare per rendere la strada un museo a cielo aperto.

Negli stessi giorni, mentre gli artisti si davano da fare in intense sessioni di writing, ad animare la zona c’è stata la musica di RadioNolo, la radio del quartiere. E, la domenica, il Naviglio si è trasformato in un boulevard parigino. Riprende, infatti, la Montmatre della Martesana. Iniziativa promossa dall’associazione Ponte degli Artisti che riempe il lungonaviglio di stand e bancarelle, tutti dedicati all’arte dei talenti milanesi.

L’anno scorso, i partecipanti sono stati oltre 1700, per un totale di 300.000 interazioni. Non abbiamo ancora i numeri del 2019, ma da quel che abbiamo visto siamo sicuri i visitatori siano stati ancora più numerosi.

Il tema è stato di stampo animalesco. “Urban Jungle” era il titolo. Gli artisti della Crew Montana hanno trasformato le grigie strada in una vera e propria giungla urbana. E se tutto ciò è avvenuto, è grazie alla no profit La Ginnastica APS, che ha fatto sì che l’evento fosse fruibile a tutti in modo gratuito.

Se vi siete persi il ZuArtDay, fatevi comunque un giro a NoLo, l’evento è finito, ma l’atmosfera no.