Circa due anni fa si discuteva del ritorno di uno dei più grandi capolavori horror che siano mai stati realizzati: IT. La prima parte del prodotto cinematografico venne descritta come la versione terrificante del classico di Stephen King quindi per la seconda ho preparato anticipatamente stomaco e cuore per affrontare momenti di particolare tensione.

Il ritorno di IT 27 anni dopo

La prima parte di IT raccontava gli spaventosi avvenimenti dell’estate del 1989 che coinvolsero un gruppo di ragazzini, il Club dei Perdenti, nella piccola cittadina di Derry nel Maine. Il tutto ebbe inizio con l’arrivo del mostruoso pagliaccio IT e il macabro omicidio del piccolo George. Dal quel giorno si susseguirono una serie di terrificanti eventi che resero quell’estate davvero indimenticabile. Nel secondo capitolo sono trascorsi ben 27 anni e i ragazzini sono ormai diventati adulti. Mike è l’unico del Club dei Perdenti ad esser rimasto a Derry mentre gli altri 6 si sono trasferiti lontano, in cerca di una nuova vita.

IT 2
Scena tratta dal film IT – Capitolo 2

IT 2 si apre nuovamente con un mostruoso omicidio che costringe Mike a ricontattare i lontani amici. La famosa estate dell’89 si concluse con la parziale sconfitta del pagliaccio e la promessa che, qualora fosse ritornato, i 7 si sarebbero riuniti per sconfiggerlo definitivamente. Dopo 27 anni IT è tornato e Mike ricorda agli amici la promessa fatta per evitare ulteriori vittime. La trama è nota essendo un remake e soprattutto la trasposizione filmica di un libro, pertanto non vorrei soffermarmi troppo sui fatti e soprattutto vorrei evitare di spoilerare la storia a chi non la conosce.

Il club dei vincenti

Questa nuova versione può vantare il lusso di esser nata in un epoca di evoluzione degli effetti speciali in ambito cinematografico, aspetto poco presente nella serie degli anni ’80. L’incanto digitale fornisce al film un realismo agghiacciante che lascia senza fiato e per un horror è qualcosa di assolutamente perfetto.

Parliamo di Pennywise, interpretato egregiamente come nel primo capitolo da Bill Skarsgård. Il lavoro dei truccatori è a dir poco sensazionale. Ogni elemento è realizzato con la massima precisione e cura del dettaglio. Il più delle volte si ha la sensazione che questo terrificante pagliaccio sia reale e che prima o poi verrà a farci visita sbucando da qualche tombino.

IT 2
IT – Pennywise interpretato da Bill Skarsgård

Nulla da ridire anche sul resto del cast che sa il fatto suo. Tra i più noti attori, non posso non citare James McAvoy nei panni del balbuziente Bill Denbrough. Si può dire che sia un attore particolarmente poliedrico perché negli ultimi anni lo abbiamo visto recitare in numerosi film di genere diverso e ogni volta è stato impeccabile. Dall’uomo affetto da disturbo dissociativo dell’identità in Split al Dottor Xavier nella saga degli X-Men, mostrandosi sempre in linea con il ruolo affidatogli.

Si può dire quindi che il cast più che un Club di Perdenti sia un Club di Vincenti per la perfetta sintonia e armonia creata sul set e palpabile nel corso di tutto il film.

Stonature

Onestamente non posso ritenermi del tutto soddisfatta. Il film dura 2 ore e 50 minuti e garantisco che non sia quello il problema. Non saprei dirvi che cosa non sia stato del tutto convincente, probabilmente si tratta di un mix di fattori che hanno lasciato un sapore amaro in bocca.

Quando un libro subisce la trasposizione cinematografica, subentra quella che viene definita “libertà stilistica” e che mette sempre a dura prova i più affezionati al prodotto originario. In questo caso di libertà ce n’è stata e anche molta. Non vorrei soffermarmi troppo sui dettagli delle singole vicende che hanno subito una variazione o sono del tutto nuove perché non è questo il mio fine. Fa tutto parte del gioco ma quello che in questi casi è opportuno valutare, riguarda principalmente quanto questa libertà sia stata convincente o meno.

IT 2

Scena tratta dal film IT – Capitolo 2

Ci sono state scene in cui la goliardia ha preso il sopravvento e momenti in cui la paura veniva messa a freno da un colpo di scena scontato e per nulla inaspettato. Non è semplice prendere in mano un mattone come IT scritto da uno dei più grandi creatori dei nostri tempi e ridimensionarlo ad un prodotto completamente diverso. Comprendo la difficoltà e mi inchino per l’intelletto investito ma non ne è sorto un capolavoro.

IT 2

Scena tratta dal film IT – Capitolo 2

La ricezione di un film e le sensazioni che ne scaturiscono sono sempre molto personali. Ci tengo a specificare che questa è la mia opinione che dipende dalla percezione di quanto visto. Ciò non toglie che, come precedentemente detto, è un prodotto ben fatto e con questo intendo dire che, libertà stilistica a parte, le quasi tre ore di pellicola scorrono.

Piccola nota simpatica: tra i numerosi personaggi che vedrete, ce ne sarà uno molto speciale! Non è facile da riconoscere, specialmente per chi non l’ha mai visto in foto. Vi concedo un piccolo suggerimento: nella pellicola venderà una bicicletta e conosce il libro IT meglio di chiunque altro.


IT – Capitolo 2

Paurosi? Non dovreste perché se saprete cogliere l’attimo giusto, riuscirete ad abbassare lo sguardo ed evitare grossi sussulti. Non sono un’amante del genere horror e se sono riuscita ad uscirne illesa, garantisco che non ci sia nulla da temere. Certo, magari la sera quando rincaserete, un pochino di “strizza” nella vostra stanza buia potrebbe anche venirvi ma nulla di trascendentale. Consiglio: date un’occhiata a tutti i film che sono al cinema per scegliere quello che preferite!

Mettiamola sul ridere!

Paura a parte, vorrei invitarvi a prender ciò che di buono il mondo del web può offrire. Visto che bisogna sempre sdrammatizzare quello che ci spaventa, vi invito calorosamente ad andare a vedere un video che coinvolge uno dei più grandi presentatori comici che l’America abbia visto! James Corden, conduttore del noto talk show The Late Late Show with James Corden, ha pubblicato all’interno del suo canale YouTube un video davvero esilarante che promuove a modo suo il film IT – Capitolo 2. Vi farete delle grasse risate!