Nelle ultime settimane non si fa altro che parlare de La Casa di Carta, in originale La Casa de Papel. Questa serie tv spagnola è andata in onda l’anno scorso sulla rete nazionale Antena 3 in parti separate: la prima durante la Primavera e la seconda nell’Autunno 2017. Ma veniamo a Netflix che, visto il successo riscosso in patria, ha deciso di distribuirla ed ne ha assicurato il successo anche nel resto del Mondo.

La Casa di Carta

Il modellino della Real Casa de la Moneda che appare sia nella sigla che nella serie tv

La Casa di Carta è stata trasmessa in Spagna dal 2 Maggio 2017 al 23 Novembre, con puntate da settanta minuti. Netflix, in funzione del binge-watching, ha ridotto la durata dell’episodio a quarantacinque minuti. I quindici episodi originali sono diventati ventidue, che però non sono stati pubblicati tutti in blocco. Composta da tredici episodi, la prima stagione della serie è stata rilasciata sulla piattaforma digitale il 20 Dicembre, invece i restanti, che compongono la seconda stagione, il 6 Aprile di quest’anno.

La Casa di Carta

Il Professore in compagnia degli otto ladri in una scena della La Casa di Carta

La Casa di Carta: la rapina del Secolo

Questa serie racconta una rapina svoltasi alla Real Casa de la Moneda, la zecca nazionale, – per i profani – luogo dove si stampano i soldi. La vicenda viene raccontata dalla voce narrante di Tokyo, una ragazza reclutata, assieme ad altri sette individui, da una misteriosa figura che si fa chiamare Il Professore. Quest’uomo, la mente che ha ideato il colpo alla zecca, invita queste otto persone a vivere con lui. Per cinque mesi abitano in una tenuta in campagna di Toledo, dove spiega loro come si svolgerà, analizzando ogni minimo particolare, la rapina che metteranno in atto.

La Casa di Carta

I rapinatori in tuta rossa con la maschera che ritrae il volto del pittore Dali

La selezione fatta da Il Professore viene fatta non solo in base alle competenze di ciascuno, ma tenendo conto della condizione sociale dei rapinatori. I componenti, infatti, sono persone che, per varie ragioni, non hanno più nulla da perdere nella vita. L’ideatore, cervello del gruppo, esige che nessuno debba chiamarsi con il vero nome facendo quindi scegliere ad ognuno il nome di una città a loro scelta.

La Casa di Carta

Tokyo, Nairobi, Berlino e Rio in una scena di La casa di Carta

Quindi oltre a Tokyo abbiamo Nairobi, l’altra donna della squadra, esperta del controllo qualitá delle banconote. Rio, il più giovane, è l’hacker, Denver e Mosca, padre e figlio, sono esperti nel scavare tunnel. Concludono il team Helsinki e Oslo, fratelli di origine serba, e Berlino, colui che dirigerà il gruppo per conto de Il Professore visto che quest’ultimo, durante il colpo, rimarrà fuori dalla zecca.

La Casa di Carta

I sequestrati dentro la zecca vestiti come i ladri in una scena di La Casa di Carta

Stagione 1 e 2 di La Casa di Carta

Tutte le due stagioni di La Casa di Carta ruotano intorno alla rapina, dove si assiste a cinque giorni in cui i rapinatori vivono dentro alla Real Casa de la Moneda. Con un ingegnoso piano riescono ad entrare e sequestrare i dipendenti della zecca e una scolaresca in gita al Museo della Moneta. Gli ostaggi vengono poi costretti ad indossare delle tute indentiche a quelle dei loro sequestratori, decisamente una citazione, al film Inside Man di Spike Lee.

cast La Casa di Carta

Tutti gli otto ladri in una scena della La Casa di Carta

L’ideatore Alex Pina ha rivelato che lo stile e il tono scelti vogliono richiamare quelli di Tarantino. Altra fonte di ispirazione, per quanto riguarda l’ambiguità morale, viene dalla serie cult Breaking Bad, ma anche per la scelta registica. Da notare la forte presenza del rosso, non solo per le iconiche tute, ma anche in alcuni oggetti chiave, come il telefono del Il Professore.

La Casa di Carta

Alvaro Morte nel ruolo del Il Professore in una scena della La Casa di Carta. Questo attore spagnolo era il Dottore Lucas Moliner nel Il Segreto.

Quest’ultimo, infatti, è l’unico mezzo di comunicazione utilizzato per parlare con i ladri e con l’ispettore Murillo, la donna mandata sul posto come negoziatore della rapina che tiene tutta la Spagna con il fiato sospeso. Come ci insegna la vita, però, non si può prevedere tutto soprattutto quando ci sono i sentimenti umani. Per colpa di un piccolo sbaglio di Tokyo, scatterà un continuo gioco contro  il tempo e l’imprevisto, sempre in aguato, che metterà a dura prova Il Professore stesso.

La Casa di Carta: la terza stagione

Confermata da poco, direttamente dall’evento di Netflix svolto a Roma, La casa di Carta avrà una terza stagione. Quindi ora non ci resta che aspettare il 2019, per scoprire quale sarà la prossima rapina orchestrata da Il Professore.

La Casa di Carta

Prima foto di Netflix pubblicata per confermare La Casa di Carta 3

SalvaSalva