Finalmente siamo giunti alla cerimonia di premiazione più attesa di tutto l’anno: i gloriosissimi Oscar! Questo è stato certo un anno ricco di interessanti contributi e la scelta dei vincitori non è stata semplice. Non perdiamoci però in inutili chiacchiere, andiamo subito al sodo e con il nostro speciale Oscar 2019 chi si è aggiudicato le statuette più ambite: miglior film, miglior attore protagonista, miglior attrice protagonista e miglior canzone originale.

Miglior film: Green Book

Si aggiudica la statuetta d’oro il film diretto da Peter Farrelly, Green Book. La scelta – azzeccatissima – non è stata semplice visto che tra le nomination c’erano i super gettonati: Bohemian Rhapsody, La Favorita, Black Phanter, BlacKkKlansman, Vice – L’uomo nell’ombra, A  Star is Born e Roma.

Speciale Oscar 2019- Premiazione Oscar 2019 - Miglior Film

Premiazione Oscar 2019 – Miglior Film

Non posso che ritenermi d’accordo con questa scelta. Il film è meravigliosamente costruito e riesce a mantenere alta l’attenzione dall’inizio alla fine, cosa per nulla scontata. La storia pone al centro due figure completamente agli antipodi. Da una parte il buttafuori italoamericano Tony (Viggo Mortensen), un uomo noto per il suoi modi di fare poco nobili e che racchiude in sé tutti gli stereotipi possibili e immaginabili degli italiani visti con gli occhi degli americani. Dall’altra parte l’elegante e acculturato pianista Don Shirley (Mahershala Ali), noto per l’indiscutibile talento nel suonare il pianoforte e nel comprendere e trasmettere la musica.

Speciale oscar 2019 - miglior film green book

Green Book

E’ evidente che i due non siano proprio fatti per stare assieme eppure le loro strade si incroceranno e da un rapporto lavorativo che li costringerà a condividere intere giornate, nascerà una meravigliosa amicizia in cui le difficoltà di entrambi diventeranno una valida risorsa per un sincero affetto.

Vorrei segnalare che Green Book, oltre a vincere come miglior film, ha portato a casa anche la vittoria come miglior sceneggiatura originale e udite udite,  Mahersala Ali con questo film si è aggiudicato il premio come miglior attore non protagonista, statuetta che andrà a far compagnia a quella guadagnata due anni fa con il film Moonlight.

Miglior attore protagonista: Rami Malek

Dopo così tanto successo e i numerosi premi, Rami Malek riesce ad aggiudicarsi anche l’ambitissima statuetta d’oro come miglior attore protagonista. Non del tutto scontata questa vittoria, vi confesso che al primo posto tra i miei preferiti c’era Christian Bale in Vice – L’uomo nell’ombra ma evidentemente non è stato apprezzato quanto Malek.

Speciale oscar 2019 - rami malek miglior attore protagonista

Rami Malek alla premiazione degli Oscar 2019 come Miglior Attore Protagonista

Indiscutibile l’abilità con la quale ha indossato i panni di Freddie Mercury ed è riuscito raccontare una personalità così complessa e articolata come quella del noto cantante, scomparso nel ’91 a causa di una polmonite aggravata da complicazioni dovute all’AIDS. Malek è un attore sicuramente dotato e il suo successo è più che meritato.

Speciale oscar 2019 - bohemian rhapsody scena tratta dal film

Bohemian Rhapsody – Rami Malek nei panni di Freddie Mercur

Caricarsi di un peso così importante come quello di interpretare un personaggio del calibro di Mercury, assai particolare e discusso, richiede sicuramente un discreto coraggio nonché un discreto impegno. L’attore di origini egiziane ce l’ha messa tutta e a quanto pare ci è riuscito egregiamente. La trasformazione ha richiesto un lavoro non indifferente e non bisogna sottovalutare il fatto che sia stato il suo primissimo ruolo da protagonista in una pellicola cinematografica. Primo Oscar per Malek e ci auguriamo che ce ne saranno tanti altri ad attenderlo.

Miglior attrice protagonista: Olivia Colman

Passiamo ora al medesimo premio nella versione femminile che quest’anno è stato vinto da Olivia Colman, protagonista del film La Favorita (The Favourite). Nella nota pellicola, l’attrice veste i panni della Regina Anna al fianco di Emma Stone Rachel Weisz.

Speciale oscar 2019 - la favorita miglior attrice protagonista olivia colmann

Olivia Colman alla premiazione degli Oscar 2019 come Miglior Attrice Protagonista

La Colman non ha mai deluso le aspettative ma in questa particolare interpretazione sembra brillare di una luce particolare. E’ affascinante il talento che riesce a renderla estremamente credibile nel ruolo di una figura così complessa e articolata. Vorrei far notare che a competere con lei, c’erano figure non meno abili come Yalitza Aparicio, Glenn Close, Lady Gaga e Melissa McCarthy.

Speciale oscar 2019 - Scena tratta dal film La Favorita

Olivia Colman nei panni di Regina Anna in La Favorita

A questo punto mi verrebbe da dire che nonostante i validi avversari, Olivia è riuscita a primeggiare e ad accaparrarsi l’ambito premio, mostrando quel qualcosa in più che le ha concesso un significativo vantaggio. Molte di loro oggi rosicheranno ma facciamo risplendere i riflettori sulla vincitrice sulle note dell’inno “che vinca il migliore!”.

Miglior canzone originale: Shallow

Avrei potuto spendere qualche parola in più per premi forse più rilevanti ma ho preferito focalizzare l’attenzione su una figura che secondo me merita uno spazio tutto suo: Lady Gaga. La star che si è sempre contraddistinta per il suo estro e i look coraggiosi, sale sul palco in una versione “ripulita”, elegantissima ed estremamente femminile.

Speciale oscar 2019 - Lady Gaga e Bradley Cooper

Lady Gaga e Bradley Cooper che cantano Shallow agli Oscar 2019

Accanto all’attore e regista Bradley Cooper, si è esibita sul palco del Doldy Theatre di Los Angeles, ipnotizzando il pubblico. Tra i due l’intesa è fortissima a tal punto da rendere credibile la storia d’amore a cui assistiamo in A Star is born. C’è una conclamata complicità, nonostante le voci vengano ripetutamente smentite, il feeling è innegabile.

 Speciale oscar 2019 - scena tratta da a star is born

Scena tratta dal film A Star Is Born

Non vi nego che per le sue particolari doti recitative, le avrei concesso la statuetta come miglior attrice. Il mio giudizio è sicuramente influenzato dall’opinione positiva che ho di lei. Ritengo che negli ultimi anni sia stata in grado di mostrarsi per l’artista che è, come se avesse finalmente deciso di togliersi quella maschera pesante fatta di ciglia finte e capelli colorati,  per mettersi a nudo. Lei è semplicemente magnifica e vi consiglio la visione del documentario su Netflix che vi aiuterà a capire qualcosina in più sul suo conto.

Oscar 2019

In conclusione vorrei spendere due parole sulla cerimonia in generale. Come avrete letto, per la prima volta non ci sono stati dei veri e propri conduttori a dirigere l’azione sul palco. Le premiazioni si sono susseguite con una certa fluidità, senza troppe interruzioni o interventi. Uno spettacolo più snello, meno articolato che ha visto sul palco Maya Rudolph, Tina Fey e Amy Poehler autodefinitesi semplici aiutanti e non presentatrici.