Dalla sua nascita in Francia, nel 2005, per mano di Michaël Azoulay, il brand American Vintage è cresciuto a ritmi esponenziali affermandosi sempre di più in giro per il mondo. All’estero ha una presenza capillare con le sue boutique oltre che in Francia anche in Belgio, Spagna, Israele e Hong Kong. E non dimentichiamo l’Italia: con la sua presenza ai saloni Pitti Uomo e White Milano e uno store monomarca presente a Torino, ma ben presto potrebbe aprirsi un altro punto vendita anche nella metropoli milanese. 

La collezione American Vintage Camp autunno inverno 2019 – 2020 riprende le radici cool e l’universalità che sono caratteristiche da sempre del marchio. Una moda che non è solo abbigliamento, ma uno stato d’animo che rivela una forte personalità e una cura precisa dei materiali e dei dettagli.

MichaelAzoulay, fondatore, presidente ed amministratore delegato di American Vintage spiega come tramite i suoi progetti mostra i valori che coltiva nella sua azienda:  “È dovere di un’azienda mostrare l’esempio nel lavoro, nello sport, nel rigore… Alcuni dei nostri dipendenti lasciano l’azienda per creare la loro e ciò vuol dire che siamo riusciti a dare il messaggio giusto. Bisogna spingere le persone a migliorare. Non è la corsa ai profitti, è la corsa alle emozioni. È necessario saper essere contemporaneamente lucidi e spericolati, e lasciarsi portare dai propri sogni.”

American Vintage si ispira alla sua community giovane e internazionale, i cui principi fondamentali sono il dialogo e la condivisione.

Una collezione dallo stile used, un look prettamente universitario: su ogni capo e anche gli accessori è ricamata la scritta American Vintage CAMP. Per richiamare lo stile sportivo, sulle canotte da basket è stampato un numero iconico su tutta la schiena.  I colori predominanti per la stagione autunno inverno sono il verde, il bordeaux e il bianco.  Must have? Felpe oversize.

Ora sapete cosa mettere nel vostro guardaroba: capi essenziali, senza tempo e soprattutto che parlino di voi.