La collezione Chanel FW 2019/20, il 5 marzo a Parigi, ha portato l’omaggio finale al grande Karl Lagerfeld, scomparso lo scorso 19 febbraio.

Un minuto di silenzio, tutti gli ospiti commossi. È così che si è aperta la sfilata di Chanel FW 2019/20. Il mondo della moda ha dato, con questo evento, un ultimo addio al suo Kaiser.

Ad interrompere il silenzio rispettoso che regnava nella sala però, si sente all’improvviso la stessa voce di Karl Lagerfeld:

Quando mi hanno proposto [di lavorare da Chanel] molti mi hanno detto “È un niente, è morto come marchio. Non accettare!”, ma io trovavo affascinante il personaggio e tutto. Alla seconda volta ho accettato proprio perché tutti mi dicevano di non farlo. E poi è diventato un marchio di moda che anche la Regina d’Inghilterra, quando è venuta da Chanel, per l’allestimento disse: “È bello come un quadro, sembra di camminare in un dipinto”. Non me lo dimenticherò mai.

In prima fila non potevano mancare Naomi Campbell, Monica Bellucci e Claudia Schiffer, grande assente, invece, l’amica di una vita, Inés De La Fressange, la quale ha comunicato di non sentirsela di partecipare.

La sfilata: Chanel FW 2019/20

La location scelta per questo tributo al celebre stilista è il Grand Palais a Parigi, dove Karl ha sempre ricreato paesaggi immaginari e magnifici. Per la collezione Chanel FW 2019/20 il Grand Palais è stato trasformato in un innevato paesino di montagna, con un’installazione dell’Hotel Gardenia, da cui uscivano le modelle.

Chanel FW 2019/20

In passerella hanno sfilato gli ultimi capi disegnati da Lagerfeld e da Virginie Viard –nuovo direttore artistico della maison. Cara Delevigne ha aperto lo show, comparendo con un cappotto pied de poule e un cappello in tweed. Si sono susseguiti, poi, capi iconici e codici signature del brand. Tutte le modelle indossavano scarponcini da montagna in shearling, alcuni dei quali con grintosi lacci di catene. L’idea che questo catwalk regalava era di trovarsi in una località sciistica esclusiva, come potrebbe essere Aspen, circondati da ricche signore che passeggiano perfettamente vestite, con giusto quel piccolo tocco di colore o accessorio per farsi notare.

La palette scelta per i capi è quella dei colori del brand: bianco, nero e l’immancabile beige, uniti però a colpi di colore per attirare un po’ l’attenzione sulle piste da sci.

Ad indossare i capi di punta della collezione Chanel FW 2019/20 sono state le modelle preferite da Karl: Maria Carla Boscoso, che non è riuscita a trattenere le lacrime nell’uscita finale, Vittoria Cerretti, Kaia Gerber e infine l’immancabile Penelope Cruz, che è comparsa con una rosa banca tra le mani per omaggiare il designer.

Chanel FW 2019/20

Il gran finale

A chiudere lo show sono state scelte le note di Heroes di David Bowie, ma nessuno dei partecipanti si è mosso. Nell’aria aleggiavano, infatti, rispetto, ammirazione, contegno e tanta commozione.

Guardando Chanel FW 2019/20, la certezza che la maison resterà in piedi, nonostante il duro colpo, è un dato di fatto. L’uscita di Virginie alla fine della sfilata breve e carismatica, è stata percepita come una boccata di aria fresca e frizzantina, forse un buon inizio per lenire il dolore dell’incolmabile perdita.

In questa passerella a lui dedicata si percepiva ovunque la presenza di Karl, che sarà ricordato come il Kaiser della moda per sempre.

Chanel FW 2019/20

Per scoprire chi era Karl Lagerfeld, clicca qui: adv.