Estate. Una parola che nasconde un universo intero: il sale fra i capelli, il sole negli occhi, quella leggerezza stagionale che porta tutti noi indietro di qualche anno, qualche tempo e che, molto probabilmente, ci restituisce ricordi senza voler niente in cambio: o quasi. Perché si, i mesi più caldi dell’anno sono una “ventata di aria fresca” solo se si è in vacanza, su una spiaggia e con il mare a pochi passi. Ma per chi vive in città? Per chi, come noi trend setter, deve cercare quella leggerezza nell’armadio senza eliminare, necessariamente, l’aggettivo fashion? Care mie modaiole, non disperate, i look anti afa ci sono e sono a prova di asfalto.

“L’essenziale è invisibile agli occhi”, aveva ragione l’autore Antoine de Saint-Exupery perché, anche se in un altro contesto, ancora il nostro sguardo deve svegliarsi dal letargo invernale, deve scoprirsi, mostrarsi, “alleggerirsi”… e come Coco Chanel insegna, da buona madre di stile, «prima di uscire, guardati allo specchio e levati qualcosa». E mai consiglio fu più vero soprattutto in questa stagione.

Il segreto per il giusto look anti afa è il materiale, il tessuto e il colore; d’altra parte avete mai visto qualcuno vagare nel deserto vestito di nero? Ahimè no. Quindi care fashioniste metropolitane dalle vacanze ancora lontane, è ora di sfoggiare il mood da globetrotter, un look semplice ma allo stesso tempo camaleontico e bipolare (come il nostro umore che oscilla tra i meno trenta gradi dell’aria condizionata dell’ufficio e i quaranta del tram sovraffollato delle sei).

Stampe e XXL

Siamo nel bel mezzo di una partita a scacchi dove in gioco c’è la nostra sopravvivenza come trend setter e la mossa vincente è mixare il basic. Camice in cotone o lino con gonne folk, fantasie floreali con pois, vestiti ampi e linee morbide “hot-free”, insomma freschezza e leggerezza per (ri)prendere fiato in una vita dove, nel mio caso, la playlist del momento si chiama “Milano vice, it’s summer time”

look anti afa
look anti afa

Maxi dress e pants

E per l’ufficio? Care mie modaiole anche io ho dovuto fare i conti con questo dubbio amletico, ma la parola chiave è equilibrio e proporzioni fra l’up e il down. Anche in questo caso i maxi dress sono un passepartout ma i pantaloni sono la chiave. Tra uno scetticismo e l’altro, basta scegliere il modello giusto, la fibra giusta (meglio se in cotone o in seta) e la linea adatta per una freshness h24.

look anti afa
look anti afa

Sono le 20.30, Il sole sta tramontando nella frenetica e calda Milano. Purtroppo non sono nell’Upper East Side di New York né tantomeno nella luminosa Orange County in California, perciò l’unica abbronzatura che posso vantare per il momento è la “tintarella da monitor”. Estate: alle mie vacanze mancano ancora 230 ore; la valigia è vuota ma è aperta nella mia camera, proprio accanto a un armadio troppo pieno… fortuna che tutta questa leggerezza si adatta a un trolley a prova di volo.