That's All Trends https://www.thatsalltrends.com That’s All Trends è il magazine che parla di Moda, Bellezza e Lifestyle con ironia e classe, diventando la vostra fonte di riferimento numero uno. Tue, 18 Jun 2019 19:00:38 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.1 https://www.thatsalltrends.com/wp-content/uploads/2018/04/cropped-favicon-tats-32x32.jpg That's All Trends https://www.thatsalltrends.com 32 32 The tote bag: dalla strada alla passerella https://www.thatsalltrends.com/fashion/the-tote-bag-dalla-strada-alla-passerella/ https://www.thatsalltrends.com/fashion/the-tote-bag-dalla-strada-alla-passerella/#respond Tue, 18 Jun 2019 19:00:38 +0000 https://www.thatsalltrends.com/?p=46135 Sono le 8:00 del mattino e la sveglia suona da ormai 10 secondi, poi un minuto, due e … siamo ufficialmente in ritardo! Quante volte questa scena si è ripetuta, come un copione ben studiato, e quante volte ancora ci siamo trovate (con un occhio chiuso) ad aprire l’armadio cercando di mettere insieme l’outfit dell’ultimo […]

L'articolo The tote bag: dalla strada alla passerella sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
Sono le 8:00 del mattino e la sveglia suona da ormai 10 secondi, poi un minuto, due e … siamo ufficialmente in ritardo! Quante volte questa scena si è ripetuta, come un copione ben studiato, e quante volte ancora ci siamo trovate (con un occhio chiuso) ad aprire l’armadio cercando di mettere insieme l’outfit dell’ultimo minuto. Per non parlare degli accessori! E i must have del giorno? Computer, acqua, libri, caricatore, una gran dose di indecisione e, ovviamente, il beauty! Se anche per voi, come per me, durante la settimana il “less is more” è solo una bella utopia non disperate, perché la favola della moda questa volta diventa realtà. Dove i manici di una tote bag iniziano è lì che la nostra giornata prende forma.

«É solo una borsa ma ci sentiremmo nude senza» Si dice così in una puntata di Sex and the City, dove una giovane Carrie Bradshow corre fra le vie metropolitane di New York, e anche se in Jimmy Choo, la bag è sempre la sua più fidata alleata. La borsa di una donna si può considerare a metà tra un buco nero, dove all’interno le variabili di spazio e tempo sono totalmente relative, e il prolungamento delle nostre vite; va da sè dedurre che è difficile pensare a come le mini o micro bag, come l’instagrammabile Jacquemus, possano risolvere anche solo la metà delle nostre necessità.

Come, allora, essere chic senza rinunciare “all’essenziale”? Mie care modaiole la soluzione si trova nel saper guardare il problema da un’altra prospettiva o, in questo caso, nel mettere i nostri maxi problemi in una maxi tote bag! La storia le ha sempre volute, in tela o in plastica, nipoti o figlie acquisite delle shopping in tessuto, sono velocemente passate dalla strada all’essere esemplari di estrema maestria da haute couture. Il turning point che ha segnato il destino delle Pretty woman delle borse è stato quando Louis Vuitton lanciò Neverfull nel 2007, LA borsa da giorno firmata che tutte le business women in carriera e studentesse rampanti volevano.

tote bag_bag 5

Iper capiente, deluxe, radical-chic e, ovviamente, logata, questo accessorio camaleontico è diventato oggi la daily bag per eccellenza: al lavoro, in vacanza, in università e in viaggio la parola d’ordine resta XXL. Coolness e praticità si condensano in un unico oggetto, due caratteristiche che rendono il suo dna più unico che raro così, mie care trend setter, potrete benissimo fare una sessione di shopping accompagnata da una corsa in palestra perché, sì, anche con la tuta (che Anna Wintour non me ne voglia) sarete casual ma sempre chic!

Ma, scherzi e ironia a parte, la shopping bag nasconde nel suo immenso spazio parecchi segreti e giuste motivazioni che l’hanno resa degna di sfilare mano nella mano con brand di spessore: parliamo di Balenciaga, Dior, Moschino, Prada, Saint Laurent, Celine, Chanel e molti altri. Tutte griffe molto attente nell’individuare le giuste tendenze del mercato e le tematiche sentite dai consumatori.

tote bag_bag1
tote bag_ bag 2

Care mie modaiole, più grande è la borsa più grandi sono le ragioni che l’hanno resa celebre; la tote bag nasce un po’ come controtendenza, completamente in stoffa (per limitare l’utilizzo di sacchetti di plastica) e di per se anonima. Sarà poi la comodità e l’ondata del green spirit a portarla negli uffici creativi di marchi blasonati che, sfruttando il design semplice e l’uso di un solo materiale, hanno saputo rendere un semplice sacco squadrato come it bag del momento.

L’essenziale, in questo caso possiamo dirlo, è (in)visibile agli occhi! Una borsa è un contenitore sicuro con i nostri sogni dentro, portavoce di un modo di essere, di quello che siamo, che facciamo e di quello che vorremmo diventare. Una borsa è una parte di noi stesse e una shopping bag che sia lineare, etno-folk come quelle di Maria Grazia Chiuri, estroversa e teatrale con piume e velluto come le ha volute Alessandro Michele o eco come l’etica di Stella McCartney, resterà sempre il nostro passepartout sulle row delle nostre giornate.

Drin! Sono le 21:00 e questa volta non è la sveglia, è un messaggio … come al solito sono in ritardo, non passerò da casa… per fortuna che il look da sera è stato comodamente in borsa!

L'articolo The tote bag: dalla strada alla passerella sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
https://www.thatsalltrends.com/fashion/the-tote-bag-dalla-strada-alla-passerella/feed/ 0
Climatizzatore: come sceglierlo? https://www.thatsalltrends.com/art/design/climatizzatore-come-sceglierlo/ https://www.thatsalltrends.com/art/design/climatizzatore-come-sceglierlo/#respond Tue, 18 Jun 2019 19:00:07 +0000 https://www.thatsalltrends.com/?p=46206 L’estate è arrivata e con lei un caldo improvviso. Ma come sfuggire dall’afa e dalle notti insonni? Per combattere questo calore insopportabile la soluzione migliore è quella di munire le nostre abitazioni di un climatizzatore. Ma come sceglierlo? La fretta non è mai un buon alleato, quindi, prendetevi il giusto tempo per valutare attentamente tutte […]

L'articolo Climatizzatore: come sceglierlo? sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
L’estate è arrivata e con lei un caldo improvviso. Ma come sfuggire dall’afa e dalle notti insonni? Per combattere questo calore insopportabile la soluzione migliore è quella di munire le nostre abitazioni di un climatizzatore.

Ma come sceglierlo? La fretta non è mai un buon alleato, quindi, prendetevi il giusto tempo per valutare attentamente tutte le caratteristiche del climatizzatore e per scegliere il macchinario più conforme alle vostre esigenze, evitando così di cadere in un acquisto sbagliato. Tuttavia tra le cose da considerare non rientra solo la scelta del macchinario, infatti è anche importante quantificare i costi, sia del climatizzatore sia quelli per la predisposizione dell’impianto.

Un aiuto nella scelta dei condizionatori può fornircelo homedeal.it, un portale online in cui si possono confrontare i prezzi dei condizionatori, richiedere preventivi per i condizionatori e trovare il professionista adatto alle vostre esigenze. Ecco qui, un mini elenco di climatizzatori, presenti sul mercato, e qualche utile consiglio per aiutarvi nella vostra scelta!


Climatizzatori portatili

I climatizzatori portatili sono la soluzione per chi non vuole o non ha la possibilità di installare un’unità esterna ai muri di casa. Poiché concentrano tutte le componenti in un unico macchinario vengono chiamati anche monoblocco. Dotati di ruote si spostano facilmente.

Tuttavia presentano degli svantaggi: sono più ingombranti e meno potenti dei climatizzatori tradizionali ed hanno un livello di rumorosità maggiore. Esistono due tipologie di climatizzatori portatili, quelli con tubo e quelli senza.

I primi raffreddano l’aria espellendo quella calda, da un buco a parete o da una finestra parzialmente aperta, abbassando sensibilmente l’effetto refrigerante del climatizzatore.

Quelli senza tubo raffreddano l’aria sfruttando i principi fisici di raffreddamento e condensazione dell’acqua. Necessitano quindi di una costante ricarica d’acqua che viene poi raccolta in bacinelle. L’allaccio alla rete idrica, per l’approvvigionamento dell’acqua, vanifica però la possibilità di spostamento del climatizzatore nei vari ambienti della casa.

E’ quindi “inesatta” la dicitura di climatizzatore portatile per quelli senza tubo perché, in realtà, una volta installato sarà impossibile trascinarlo in giro per casa.


Climatizzatori fissi 

I climatizzatori fissi più utilizzati sono i modelli che richiedono un impianto formato da: un unità esterna, chiamata anche motore, e un’unità interna, detta anche split.

L’unità interna distribuisce l’aria fresca e sottrae il calore dall’ambiente oppure, lo riscalda in inverno; mentre l’unità esterna produce il freddo e disperde il calore all’esterno. Queste sono collegate tra loro sia da un cavo elettrico sia da due tubi per il gas, uno per l’andata e l’altro per il ritorno. Entrambe necessitano di un tubo di scarico per eliminare l’acqua di condensa che si forma quando l’apparecchio è in funzione.

Il climatizzatore è una macchina progettata per produrre aria fredda o calda attraverso un meccanismo che prevede lo scambio d’aria con un fluido che, immerso nel circuito, cede calore all’ambiente con lo scopo di modificarne la temperatura e generare benessere.

Il funzionamento di base è strutturato secondo l’utilizzo del ciclo termodinamico, che funziona grazie a un liquido che accumula e trasporta calore, sottraendolo all’ambiente. I nuovi modelli integrano anche altre funzioni tra cui quella di deumidificazione e di purificazione dell’aria.


Mono o multi – split? 

Quando si parla di mono – split o multi – split, la differenza sta nel numero di unità interne dell’impianto. E’ chiamato mono – split l’impianto composto da un’unità esterna e un’unità interna. Mentre, è chiamato multi – split l’impianto alla cui unità esterna sono collegate tre o più unità interne.

Per climatizzare più ambienti si può quindi optare per due diverse soluzioni: un mono – split in ogni stanza con relativa unità esterna o un multi – split con una sola unità esterna collegata a più unità interne installate in diversi ambienti della vostra abitazione. Per abitazioni più grandi si consiglia più la prima soluzione perché, se le distanze sono ampie possono comportare un decadimento delle prestazioni.

Esistono 4 tipologie di unità interne:

  • Gli split a parete generalmente usati nella abitazioni.
  • I climatizzatori a pavimento con installazione simile a quella dei radiatori, emanano l’aria verso l’alto.
  • I sistemi canalizzabili a soffitto
  • I modelli a “cassetta” adatti per le installazioni nei controsoffitti.

Suggerimenti

  • Guardate l’etichetta energetica! L’etichetta energetica è un documento che informa i consumatori sulle caratteristiche e sui consumi di energia di ciascun modello di elettrodomestico in vendita. Dalla classe A alla classe C il consumo energetico si alza notevolmente. L’indice EER ci indica l’efficienza del climatizzatore, più è alto il suo valore, più il climatizzatore è efficiente, minori sono i consumi.  
  • Riparare l’elemento esterno dalla luce diretta del sole.
  • Mantenere chiuse le porte dell’ambiente da rinfrescare o riscaldare, evitando così che il climatizzatore lavori al massimo regime per compensare la differenza di temperatura tra i vari ambienti.
  • Nel caso non ci sia nessuno nella stanza è consigliato abbassare la potenza del climatizzatore o spegnerlo.

L'articolo Climatizzatore: come sceglierlo? sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
https://www.thatsalltrends.com/art/design/climatizzatore-come-sceglierlo/feed/ 0
PreTesto: l’Umbria a Milano https://www.thatsalltrends.com/lifestyle/taste/pretesto-lumbria-a-milano/ https://www.thatsalltrends.com/lifestyle/taste/pretesto-lumbria-a-milano/#respond Mon, 17 Jun 2019 19:00:48 +0000 https://www.thatsalltrends.com/?p=46193 Vorrei porre la vostra attenzione sul fatto che abbiamo in città il meglio dei prodotti dell’Umbria gastronomica… È proprio vero che a Milano manca solo il mare. Di cosa sto parlando ve lo spiego subito. Si chiama PreTesto ed è un bistrot &bottega con sede a Milano e Como, per ora. Per assaporare il meglio […]

L'articolo PreTesto: l’Umbria a Milano sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
Vorrei porre la vostra attenzione sul fatto che abbiamo in città il meglio dei prodotti dell’Umbria gastronomica… È proprio vero che a Milano manca solo il mare. Di cosa sto parlando ve lo spiego subito. Si chiama PreTesto ed è un bistrot &bottega con sede a Milano e Como, per ora.

Per assaporare il meglio della gastronomia umbra, non servono ore di macchina, basta andare da PreTesto, dove potrete degustare o acquistare i migliori prodotti della tradizione culinaria di questa fantastica regione.

PreTesto – Umbria Food Lovers

Cura, passione e tradizione, ma anche modernità e innovazione, questo quello che ho trovato da PreTesto. Lo stile industrial del locale e l’atmosfera allegra da bistrot si sposano perfettamente con la proposta gastronomica che prevede una sapiente reinterpretazione dei piatti più caratteristici.

Arvortoli e frittini da Pretesto
Arvoltolo e “frittini”

Il menù è vario e sfizioso. Vi consiglio assolutamente di partire con arvoltolo e “frittini”, perfetti come aperitivo o anche da asporto. Un must la Torta al Testo: una focaccia impastata e cotta su un piatto di ghisa, il testo appunto, e successivamente farcita con il meglio della norcineria umbra.

Torta al testo con prosciutto crudo e pecorino e torta al testo con salsiccia ed erba campagnola


Inoltre, potrete assaporare gustosi taglieri con salumi e i formaggi tipici, diversi primi della tradizione come gli umbricelli al tartufo di Norcia e i “cocci” di PreTesto (ottime zuppe di legumi, servite fredde d’estate).

Come secondo non avete che l’imbarazzo della scelta tra diversi succulenti tagli di carne e l’esclusivo “torta burger”, hamburger con carne chianina o di pollo racchiuso nella torta al testo.

Tortaburger di chianina, pecorino e cipolla caramellata di Cannara

Pret a mànger&Bottega

PreTesto seleziona con cura i migliori fornitori del territorio umbro per portare in tavola prodotti d’eccellenza. Anche i vini provengono da cantine locali e le birre artigianali sono prodotte nel territorio umbro.

Come vi ho anticipato PreTesto è anche bottega: diversi prodotti sono acquistabili e potrete gustarveli comodamente a casa nelle vostre ricette.

Sì, Pretesto è anche aperitivo

Da PreTesto l’aperitivo è gourmet. Un momento di relax in cui potrete degustare le sfiziosità proposte degli chef. Vino, birra, cocktail o deliziosi centrifugati, scegliete quello che è più nelle vostre corde per accompagnare il tagliere di affettati o formaggi tipici e i deliziosi fritti composti da arvoltolo, panzerotti di erba campagnola e salsiccia, supplì di risotto allo zafferano e al tartufo.

Senza dimenticare il miniburger – in numerose variabili – servito con patate fritte, versione ridotta del torta burger. Un dopo lavoro di tutto rispetto!

Non vi resta che provare per credere! Trovate PreTesto a Milano in viale Montenero angolo via F.lli Campi e a Como in Via Albertolli 5, in pieno centro.

Per maggiori informazioni: https://www.pretesto.eu/

L'articolo PreTesto: l’Umbria a Milano sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
https://www.thatsalltrends.com/lifestyle/taste/pretesto-lumbria-a-milano/feed/ 0
Costumi da bagno 2019: cosa portare sulla spiaggia https://www.thatsalltrends.com/fashion/costumi-da-bagno-2019/ https://www.thatsalltrends.com/fashion/costumi-da-bagno-2019/#respond Mon, 17 Jun 2019 19:00:29 +0000 https://www.thatsalltrends.com/?p=45914 In attesa di far un bel tuffo nell’acqua è bene fare il punto sulle tendenze dei costumi da bagno 2019. Stagione dopo stagione gli stilisti reinventano vecchi codici da spiaggia e danno vita a nuovi stili che faranno da sfondo ai mesi più caldi dell’anno.  Le proposte beachwear sono pronte ad accontentare i gusti di […]

L'articolo Costumi da bagno 2019: cosa portare sulla spiaggia sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
In attesa di far un bel tuffo nell’acqua è bene fare il punto sulle tendenze dei costumi da bagno 2019. Stagione dopo stagione gli stilisti reinventano vecchi codici da spiaggia e danno vita a nuovi stili che faranno da sfondo ai mesi più caldi dell’anno. 

Le proposte beachwear sono pronte ad accontentare i gusti di tutti: bikini, trikini, costume a fascia o triangolo, interi a tinta unita o a fantasia, con scolli a V, monospalla, o ancora con volant.

Materiali diversi, sfumature di colori e stampe differenti fanno sì che il costume non sia solo l’indumento da sfoggiare sulla spiaggia. Il costume diventerà il nuovo top da sfoggiare per un aperitivo al tramonto o per un happy hour con sottofondo l’hit dell’estate. 

Immaginate di essere sotto il cielo azzurro e il sole cocente, con la salsedine tra le mani e la sabbia cristallina. Ecco, questo è il momento di prendete appunti per le tendenze costumi da bagno 2019.

Un salto nel passato, nostalgico per qualcuno e di piacevole scoperta per le nuove generazioni che potranno indossare culottes a vita alta con stampe a pois, quadretti vichy e motivi floreali, come questo bellissimo modello di Bikini Lovers. 

Costumi da bagno 2019- bikini lovers
Costumi da bagno 2019 – Bikini Lovers

Tornano modelli super sensuali che ricordano gli anni ’80, costumi sgambati e scollature profonde. La regina di questa tendenza è Georgina Rodriguez, fidanzata di Ronaldo, che indossa un bikini arancio firmato Yamamay, da capogiro!

Costumi da bagno 2019- yamamay
Costumi da bagno 2019 – Yamamay

La tendenza invernale che ha conquistato tutti, diviene protagonista anche per l’estate, per non dimenticare anche sulle spiagge uno stile ruggente e chic. Avete già intuito di che tendenza si parla? L’animalier: costumi pitonati, zebrati fino a quelli più ricercati i leopardati, tra i tanti brand Calzedonia, propone questo trend oltre che in tonalità tradizionale anche con tinte colorate e fluo.

Fate spazio alla luce: NEON ON! Una tendenza che contagia non solo capi d’abbigliamento, ma anche accessori e per terminare il beachwear. Verde, giallo, rosa, rosso e arancio fluo evidenziano semplici bikini e interi, Hm propone una versione low cost di tale tendenza.  

Costumi da bagno 2019- H&M
Costumi da bagno 2019 – Hm

Eleganti o sportivi, insieme alla combinazione di tagli, linee e proporzioni, il monospalla viene declinato in varie fantasie, modelli e colori. Il plus di questo modello è la sua versatilità, fuori e dentro l’acqua è uno dei beachwear da tenere assolutamente nel nostro armadio. Tezenis propone i bikini juicy, qual è il tuo frutto preferito per l’estate? Ed è subito selfie su Instagram.  

Per un’abbronzatura uniforme, la moda mare non rinuncia ai costumi a fascia: il modello da sempre più amato, segue le ultime tendenze proponendo un’infinita di versioni differenti: nodi, ruches e volant, tinte vivaci per spaziare al tie-dye arcobaleno, di rilievo risultano i modelli di Triumph.

Costumi da bagno 2019- triumph
Costumi da bagno 2019 – Triumph

Ogni stagione ha la sua rivelazione, il trend di quest’estate 2019 sono in assoluto i costumi con cintura in vita, interi o a due pezzi che siano. Asos tra i suoi tanti modelli, propone un intero bianco con volant, più che un costume sarebbe perfetto indossarlo come top sotto degli short o una mini skirt.  

Costumi da bagno 2019- asos
Costumi da bagno 2019 – Asos

I designer hanno dato libero sfogo alla fantasia, con tessuti diversi che vanno dalla lycra al sitentico o lavorazioni crochet, come uno dei modelli di Golden Point che ha già spopolato tra varie influencer. Si punta anche su una palette di colori neutri che esplora le tonalità della terra come la collection delle sorelle Rodriguez, Me fui, oltre gli intramontabili bianco e nero, tradizionali ma rigorosamente immancabili. 

Pronta a liberare la tua voglia di estate?

Scegli il tuo bikini preferito o un intero stile Baywatch e corri sulla spiaggia, ma prima di fare un tuffo inaugura la stagione moda mare 2019 con un super selfie. 

L'articolo Costumi da bagno 2019: cosa portare sulla spiaggia sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
https://www.thatsalltrends.com/fashion/costumi-da-bagno-2019/feed/ 0
Max Mara Resort 2020 al Neues Museum https://www.thatsalltrends.com/fashion/max-mara-resort-2020/ https://www.thatsalltrends.com/fashion/max-mara-resort-2020/#respond Sun, 16 Jun 2019 19:00:57 +0000 https://www.thatsalltrends.com/?p=46041 Tutto quello che oggi è presente, diverrà passato e si farà storia. Ricordate cosa è accaduto 9 novembre 1989? La caduta del muro di Berlino. Oggi ad ossequiare il trentesimo anniversario di questa ricorrenza è Max Mara che, in modo sofisticato ed elegante, fa della sua sfilata un omaggio alla rinascita di Berlino. La splendida […]

L'articolo Max Mara Resort 2020 al Neues Museum sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
Tutto quello che oggi è presente, diverrà passato e si farà storia. Ricordate cosa è accaduto 9 novembre 1989? La caduta del muro di Berlino.

Oggi ad ossequiare il trentesimo anniversario di questa ricorrenza è Max Mara che, in modo sofisticato ed elegante, fa della sua sfilata un omaggio alla rinascita di Berlino. La splendida città, oggi punto di riferimento per arte, architettura e design, calca le passerelle e fa scorgere un sorriso nel suo pubblico. 

A rendere memorabile la Max Mara Resort 2020 è l’attenzione rivolta alla collezione di reperti preistorici del Neues Museum. L’edificio è una struttura notevole che racconta gran parte della storia vissuta da Berlino ed è la location d’eccezione per lo show. 

A preceder la sfilata, il giorno 2 giugno, è stata una serata di cabaret davvero esclusiva. Max Mara infatti ha organizzato alla Clärchens Ballroom, una sala da ballo storica di Berlino del 1920, uno spettacolo unico. Protagonista sul palco è stata Ute Lemper che si è esibita con “Rendez-vous con Marlene”, una performance basata su una lunga telefonata tra lei e Marlene Dietrich nel 1988. L’attrice e cantante tedesca Ute Lemper ha inoltre sfilato il giorno dopo per la collezione Max Mara Resort 2020.

Il museo ha ospitato circa 200 ospiti, tra cui influencer e blogger come Caroline Daur, Helena Bordon e Eleonara Carisi, l’ambasciatore d’Italia a Berlino Luigi Mattiolo e consorte, le attrici Angela Bassett e Hikari Mo e molti altri volti noti, tutti rigorosamente vestiti in Max Mara. 

I reperti risalenti all’età del Bronzo sono stati fonte di ispirazione per la designer Reema Pachachi che ha creato bracciali, collane e orecchini scultorei.

Per il Max Mara Resort 2020 d’ispirazione sono stati due grandi personalità del mondo della musica e dello spettacolo, David Bowie e Marlene Dietrich. Quest’ultimi avevano un forte legame con la città e a quanto pare avevano una grande passione per i trench con la cintura in vita, i pantaloni palazzo e spalle dai tagli importanti: capi senza tempo che sono stati riproposti lungo tutta la passerella.

La palette di colori protagonista di questa collezione varie nelle sfumature di bianco, grigio e cammello. Non manca il tocco di colore, un rosso vivace che regala in grande stile Max Mare un tono romantico all’intera collezione. 

Una passerella femminile e austera che da voce ad una donna forte e determinata: pantaloni a palazzo, abito bustier indossato con cintura oversize e ispirato da Marlene Dietrich, tra i pezzi forti della collezione ci sono anche i maxi pullover in cashmere abbinati a gonne plissé dai riflessi laminati, la cappa bianca e i dolcevita in lurex.

Maggior rilievo della collezione 2020 è il cappotto Berlino chiamato così perchè ispirato alla città. Il colore è bianco candido, per ricordare la liberazione dalle costrizioni subite in passato, cashmere e lana con le spalle decorate da fiori ricamati che ricordano le celebri porcellane di Meissen.

Max Mara combina design, storia ed emozione, ed è anche questa collezione un grande trionfo.

L'articolo Max Mara Resort 2020 al Neues Museum sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
https://www.thatsalltrends.com/fashion/max-mara-resort-2020/feed/ 0
Pets 2 – La vita segreta degli animali https://www.thatsalltrends.com/cinema/pets-2/ https://www.thatsalltrends.com/cinema/pets-2/#respond Fri, 14 Jun 2019 19:00:05 +0000 https://www.thatsalltrends.com/?p=46088 Chi mi conosce sa quanto sia indomabile la mia passione per i film di animazione, pertanto chiedo anticipatamente scusa per l’eccessiva enfasi. Pets 2 – Vita da animali (The Secret Life of Pets 2) è il nuovo film prodotto da Illumination Entertainment e distribuito da Universal Pictures. In poche parole? Semplicemente geniale! Cosa combinano i […]

L'articolo Pets 2 – La vita segreta degli animali sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
Chi mi conosce sa quanto sia indomabile la mia passione per i film di animazione, pertanto chiedo anticipatamente scusa per l’eccessiva enfasi. Pets 2 – Vita da animali (The Secret Life of Pets 2) è il nuovo film prodotto da Illumination Entertainment e distribuito da Universal Pictures. In poche parole? Semplicemente geniale!

Cosa combinano i nostri Pets quando non siamo con loro?

Sono la fortunata “mamma” di 5 meravigliosi cani che giorno per giorno mi donano un amore smisurato. Penso che chiunque di noi che abbia posseduto o possegga qualche animale domestico, si sia chiesto almeno una volta nella vita: ma cosa diamine combina mentre non ci sono? Pets è il film che cerca di dare una risposta – seppur divertente – a questo enigmatico mistero.

Pets 2

Facciamo un passo indietro. Al centro del primo capito la storia di Max, un tenero Terrier con la voce di Alessandro Cattelan (Louis C.K nella versione originale). Le sue disavventure hanno inizio con l’arrivo di un nuovo e ingombrante coinquilino, Duke. Da quel momento la vita perfetta di Max viene completamente stravolta.

Pets 2 allarga gli orizzonti e ci trascina in un vortice di divertimento allo stato puro. L’umorismo si fa sempre più acuto e le risate scandiscono la trama. Non ricordo neanche un singolo momento di noia, sono uscita dalla sala con la voglia di rivederlo di nuovo e garantisco che non mi capita spesso.

Un avvincente intreccio di storie

Sicuramente Pets 2 fa un passo avanti rispetto al capitolo precedente. Pets 1 ha dato forma ad una serie di personaggi che abbiamo avuto modo di conoscere e che ci hanno conquistati per le personalità ammalianti. Il sequel si fa più interessante perché sfrutta questa piccola infarinatura per offrirci un prodotto “spacchettato”. Ogni singolo soggetto possiede caratteristiche proprie ben specifiche, affinate e studiate con attenzione per entrar a fare parte di questo piccolo universo. Non c’è alcunché che stoni, tutto vive in un equilibrio perfetto. Sono proprio le loro personalità a dar vita alle singole storie.

Pets 2

Il focus della trama vede sempre come protagonista Max e le sue disavventure. Attorno a questo nucleo centrale, si sviluppa il plot, spacchettato appunto in diverse storie.

Max e Duke sono ormai amici-coinquilini inseparabili. L’arrivo di Baby-Liam, il bambino avuto dalla padroncina Katie, sconvolgerà nuovamente la vita di Max che dopo un primo rifiuto, si innamorerà perdutamente del nuovo arrivato. Un amore pericoloso che metterà a dura prova i nervi del povero cagnetto, incapace di gestire le sue paure.

Pets 2- liam max e duke
Liam, Max e Duke

L’ansia e lo stress di Max vengono fin da subito presi di mira da Galletto, che nella versione originale è doppiato da Harrison Ford nella sua primissima partecipazione ad un film di animazione. Galletto è un cane pastore che vive nel range di alcuni parenti di famiglia e che si trasforma in una sorta di mentore per Max, aiutandolo a combattere i suoi più grandi timori.

Pets 2- locandina

Passiamo ora alle altre storie. Gidget (voce italiana di Laura Chiatti) è la simpatica volpina di Pomerania con il manto bianco cotonato e innamorata del nostro protagonista. Gidget viene incaricata da Max di un importantissimo compito: proteggere Apetta Vispetta – una pallina con le sembianze di un ape. Questo la trascinerà in una serie di pericolose peripezie con orecchie a punta e unghie affilate.

Pets 2- max e gidget
Max e Gidget con “Apetta Vispetta”

Dopo un passato da super-cattivo, Nevosetto, il coniglietto bianco che viveva nei bassifondi di NYC, ha trovato pace. Il suo odio per la razza umana è ora svanito grazie alla sua nuova padroncina. Da crudele “assassino”, ora veste i panni del supereroe, incaricato del compito di salvare gli animali da ogni genere di pericolo. La voce di Francesco Mandelli è a dir poco perfetta! L‘impavido coniglietto in realtà è un fifoncello che si nasconde dietro una tutina blu elettrico. Le sue (dis) avventure avranno inizio quando Daisy busserà alla sua porta per chiedergli aiuto.

Pets 2- capitan nervosetto
Capitan Nevosetto

E’ un film per tutte le età

Pets non è un film solo per bambini, non sono d’accordo con chi dà per scontato che una pellicola di animazione sia adatta solo ad un pubblico di infanti. Quando sono andata al cinema la sala era praticamente piena e il più giovane avrà avuto 26 anni. Indubbiamente va segnalato che ho scelto una fascia oraria che sicuramente non prevede la presenza di un pubblico di minori. Va anche sottolineato però che se un film non attrae, a prescindere dall’orario, l’esito è la sala vuota.

Pets 2
I protagonisti di Pets

In chiusura vorrei spronare voi care lettrici a prendervi meno sul serio e a considerare tra le vostre scelte, anche film più apparentemente leggeri. I miei gusti sono sempre stati particolarmente sofisticaTI e selettivi e per questo mi sento di potervi dire che ogni tanto è bello provare qualcosa di nuovo e di lontano da ciò rientra nella nostra “like zone”.

L'articolo Pets 2 – La vita segreta degli animali sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
https://www.thatsalltrends.com/cinema/pets-2/feed/ 0
“This is London” la nuova campagna della LFW https://www.thatsalltrends.com/fashion/this-is-london-la-nuova-campagna-della-lfw/ https://www.thatsalltrends.com/fashion/this-is-london-la-nuova-campagna-della-lfw/#respond Thu, 13 Jun 2019 19:00:36 +0000 https://www.thatsalltrends.com/?p=46053 In occasione della London Fashion Week uomo, 8-10 giugno 2019, il British Fashion Council (BFC) lancia una campagna per omaggiare i designer britannici. “This is London” celebra le figure che, attraverso i propri stili e personalità, danno forma all’identità creativa unica di Londra. Parole chiave: comunità, diversità e cultura. “This is London” La campagna della […]

L'articolo “This is London” la nuova campagna della LFW sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
In occasione della London Fashion Week uomo, 8-10 giugno 2019, il British Fashion Council (BFC) lancia una campagna per omaggiare i designer britannici. “This is London” celebra le figure che, attraverso i propri stili e personalità, danno forma all’identità creativa unica di Londra.

Parole chiave: comunità, diversità e cultura.

“This is London”

La campagna della London Fashion Week uomo di quest’anno celebra la comunità, la diversità e la cultura, parole che descrivono al meglio i creativi che compongono l’industria della moda britannica. “This is London” è una raccolta di 12 immagini, scattate dal fotografo londinese Markn, che includono alcune delle personalità più interessanti del panorama fashion londinese. I protagonisti provengono dal mondo strettamente fashion ma anche dall’arte, dalla musica, dal cinema e dallo sport. La campagna presenta un mix di nomi affermati a livello mondiale e di giovani rivelazioni, rappresentati del gusto e dello stile britannico, che attraverso i loro mondi tengono alta la reputazione londinese in modo unico.

"This is London". La nuova campagna per la London fashion week uomo, giugno 2019, celebra i talenti e la creatività britannica.

“This is London” è una testimonianza della diversità e della creatività della città e sottolinea la relazione tra tutti gli ambiti creativi.

"This is London". La nuova campagna per la London fashion week uomo, giugno 2019, celebra i talenti e la creatività britannica.

Nella campagna troviamo personaggi come Oliver Spencer, David Gandy, Angelo Van Mol (Band Of Outsiders), Lucien Clarke (skater), Bethany Williams, Ashton Gohil (modello e DJ) e James Massiah (poeta), Cosima (artista musicale), Dylan Jones (GQ, presidente uomo e direttore non esecutivo del BFC) e Caroline Rush (CEO del BFC), solo per citarne alcuni. Tutti personaggi che, attualmente, danno forma ai modi in cui ci si avvicina al menswear.

"This is London". La nuova campagna per la London fashion week uomo, giugno 2019, celebra i talenti e la creatività britannica.

Questa serie di scatti sprigiona, innegabilmente, una forte energia e sinergia. Attraverso uno spettro di stili e personalità così eterogeneo, “This is London” è una fedele celebrazione dell’identità creativa unica di Londra.

L'articolo “This is London” la nuova campagna della LFW sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
https://www.thatsalltrends.com/fashion/this-is-london-la-nuova-campagna-della-lfw/feed/ 0
La frutta immancabile sulle nostre tavole: le mele https://www.thatsalltrends.com/lifestyle/taste/la-frutta-immancabile-sulle-nostre-tavole-le-mele/ https://www.thatsalltrends.com/lifestyle/taste/la-frutta-immancabile-sulle-nostre-tavole-le-mele/#respond Thu, 13 Jun 2019 19:00:04 +0000 https://www.thatsalltrends.com/?p=46156 Le mele sono da sempre presenti in tutte le diete. Ma ti sei mai chiesto il perché? Tramandata da generazione in generazione, la frase “una mela al giorno toglie il medico di torno” non è solo un detto popolare, ma ha un fondamento empirico e scientifico. Scopri di più sulle proprietà benefiche di questa frutta. […]

L'articolo La frutta immancabile sulle nostre tavole: le mele sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
Le mele sono da sempre presenti in tutte le diete. Ma ti sei mai chiesto il perché? Tramandata da generazione in generazione, la frase “una mela al giorno toglie il medico di torno” non è solo un detto popolare, ma ha un fondamento empirico e scientifico. Scopri di più sulle proprietà benefiche di questa frutta.

Le mele sono il frutto di Pirus malus della famiglia delle Rosacee. L’albero, che può raggiungere fino a 8 metri d’altezza, è il melo, originario dell’Asia centrale.

proprietà benefiche delle mele

Proprietà della mela sull’organismo

Caratteristica principale della mela è la sua facile reperibilità in ogni periodo dell’anno, anche se la sua maturazione ottimale avviene a fine estate.

La mela è un prodotto che appartiene al VII gruppo fondamentale degli alimenti. Ha un contenuto energetico moderato e nella dieta può essere utilizzata come spuntino, alimento da prima colazione o per chiudere un pasto principale.

A livello nutrizionale non esistono particolari differenze tra i diversi tipi di mela (delizia rosse, delizia gialle, renette) ma occorre tenere il marchi di produzione. 

L’energia è fornita prevalentemente dai glucidi, seguiti da proteine e lipidi. I carboidrati, invece, sono principalmente semplici e costituiti da fruttosio.

Le mele hanno una potente attività antiossidante che ci difende dai radicali liberi, quelle molecole che aggrediscono, con meccanismi di ossidazione, le strutture cellulari causando danni al patrimonio genetico. 

I polifenoli sono importanti sostanze che svolgono un fondamentale ruolo del regolare l’effetto dei radicali liberi rendendoli stabili ed impedendo così danni alle membrane cellulari, inoltre ostacolano i processi tumorali. I polifenoli sono presenti per lo più nella buccia della mela, in cui si registra una maggiore concentrazione di questa sostanza. Risultano essere importanti anche per contrastare l’invecchiamento e per prevenire le malattie cardiovascolari.  Le mele contribuiscono anche ad un buon funzionamento del cuore per via del livello di magnesio contenuto al loro interno. 

Il segreto delle straordinarie proprietà nutrizionali e salutistiche delle mele è in gran parte nascosto dietro una fibra solubile, la pectina, di cui sono particolarmente ricche. È presente soprattutto nella buccia delle mele; si tratta una fibra solubile in grado di aiutare a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo, proteggere la flora intestinale – regolando il passaggio del glucosio dall’intestino al sangue- e tiene sotto controllo l’appetito. Questo polisaccaride contribuisce a tenere sotto controllo anche il livello di glicemia assicurandone il lento assorbimento. Inoltre, la sua fermentazione origina acidi grassi che sembrano avere effetto protettivo sullo sviluppo del cancro al colon.

I vantaggi derivanti dal consumo delle mele

La mela ha un buon potere diuretico ed è indicata nel caso di disordini del tratto gastrointestinale. La pectina contenuta nelle mele, infatti, non ha una vera e propria funzione lassativa, ma un effetto modulante per normalizzare la peristalsi intestinale. 

mele in mano

L’acido folico (vitamina B9) presente nelle mele, come nei cereali, è una vitamina preziosa che si assume esclusivamente attraverso l’alimentazione e non è prodotta dall’organismo. Oltre all’acido folico, le vitamine di cui le mele sono ricche sono: la vitamina B1, la riboflavina (vitamina B2); la niacina (vitamina B3), la vitamina A e la vitamina C. I sali minerali contenuti nelle mele sono invece il sodio, il potassio, il ferro, il calcio, il fosforo e lo zinco.

Le mele sono un vero e proprio concentrato di buona salute ed apportano una serie di benefici al nostro organismo.  

L'articolo La frutta immancabile sulle nostre tavole: le mele sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
https://www.thatsalltrends.com/lifestyle/taste/la-frutta-immancabile-sulle-nostre-tavole-le-mele/feed/ 0
Podcast: la voce della moda https://www.thatsalltrends.com/fashion/podcast-la-voce-della-moda/ https://www.thatsalltrends.com/fashion/podcast-la-voce-della-moda/#respond Wed, 12 Jun 2019 19:00:54 +0000 https://www.thatsalltrends.com/?p=45953 C’era una volta, in un tempo lontano, una piccola donna che intrecciava trame di fili multicolore con un piccolo ago. Sera dopo sera tesseva una storia ancestrale, forse la più antica di tutte. Così nacque Moda. Non un capo, non un tessuto, non arte ma qualcosa di estremamente personale e paradossalmente universale, gerarchico o democratico, […]

L'articolo Podcast: la voce della moda sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
C’era una volta, in un tempo lontano, una piccola donna che intrecciava trame di fili multicolore con un piccolo ago. Sera dopo sera tesseva una storia ancestrale, forse la più antica di tutte. Così nacque Moda. Non un capo, non un tessuto, non arte ma qualcosa di estremamente personale e paradossalmente universale, gerarchico o democratico, ma costantemente in divenire.

Come diceva la stessa Coco Chanel negli anni ’60 «La moda non è qualcosa che esiste solo negli abiti. La moda è nel cielo, nella strada: ha a che fare con le idee, con il nostro modo di vivere, con cosa sta accadendo». Mai fu più immortale. Care modaiole affette da fashion experience, indossare un capo non è solo mettersi addosso una tendenza ma farsi portavoce di un’idea, un’ispirazione. Ogni capo racconta una storia, vera o inventata, personale o no, dando voce all’affabulazione: la voce della moda.

Fashion communication

Nel tempo il processo di comunicazione o di scrittura di un brand è cambiato: partendo dall’abito, le campagne pubblicitarie, gli shooting da mille e una notte (e non solo) studiati nei minimi dettagli, sino alle sfilate 2.0. Ad oggi la moda non è più un universo solitario riservato a pochi eletti, ma un sistema perfettamente integrato e ibridato con le novità tecnologiche e sociali dei tempi moderni.

Il fashion system è dominato dalla multicanalità, qualità divenuta inscindibile dall’essenza stessa del “farsi sentire” e dal ruolo sempre più privilegiato della relazione tra marketing e creatività esplicabile con l’equazione storia. Intrattenimento = idea creativa : valore economico. Mie care modaiole ora capite bene che l’armadio che avete in camera è composto dall’30% dei vostri sogni e dal 70% shopping experience e brand loyalty ben architettata.

Ci troviamo davanti a un magic mirror mentre indossiamo quel paio di scarpe per cui abbiamo fatto follie e per cui ancora sentiamo quella magica musica della sfilata. Il primo incontro, d’altronde, non si scorda mai! Perché sì, l’immagine è la musa mitologica della moda, ma è altrettanto sicuro che oggi la vera voce del mondo fashion si fa letteralmente sentire.

Verso i podcast

Quindi orecchie aperte care modaiole, questa non è una favola ma è la pura realtà. Storie, racconti e vicende personali affannano le menti della maggior parte del pubblico, e del trend setter. Perché Coco era così determinata contro l’italiana Elsa Schiapparelli? Cosa affannava così l’animo tormentato del giovane Yves? Valentino, nella Voghera arretrata, chi era prima del rosso, prima di Roma, prima di tutto? O Christian se solo potessi parlare di te e della tua Maison? E Versace? Chi lo sa… Sono tutti artisti, creatori sopra i massimi sistemi dell’universo di stoffa, ma sono anche esseri umani che hanno vissuto, sperimentato e sofferto silenziosamente lontani dalla luce del mito.

Siamo voyeur incontenibili, lo siamo sempre stati, e oggi ancora di più. I social sono la nostra cassa di risonanza, le vicende personali l’oggetto del desiderio ma questo una buona operazione di marketing lo sa già. Le storie personali di quelle persone tanto vicine quanto lontane dalle nostre vite hanno riscoperto un target attento e, soprattutto, molto curioso.

voce della moda_col fashion plast 2 i podcast

È il caso di parlare di podcast, la vera voce della moda. In America il debutto è datato 2005, da quando tramite iTunes di Apple è possibile scaricare e ascoltare i file audio. Ma si dovranno aspettare quasi dieci anni affinché il fashion system capisca le reali potenzialità di questo strumento. Da Vogue a Yahoo Style, fino in Francia da Camille Charrière e Monica Ainley che nel 2016 lanciano “Fashion No Filter”, un programma che attraverso i podcast da voce a diversi personaggi della moda che parlano di street style o dell’haute couture.

Ad affidarsi ai podcast ci sono anche i brand del luxury, ne è un esempio Chanel con 3.55 dove il tema discusso è di solito il rapporto con la creatività nel quale, fra gli altri, è intervenuto anche lo stesso Karl Lagerfeld insieme a Pharrel Williams, Susie Lau, Margaret Zhang e Keira Knightley. Ma non finisce qui, Gucci si racconta con le sue narrazioni altamente personalizzate in linea con la brand personality e l’anima del creativo Alessandro Michele. Maison Margiela con The memory of… with John Galliano, Chloè con Chloè Radio da voce alla femminilità in tutte le sue sfaccettature e, infine, anche il marchio Coach sceglie il posdcast come narratore dei suoi Dream it Real, dei veri personalCoach che invitano l’ascoltatore a seguire i suoi sogni portando alle nostre orecchie le storie personali di personaggi noti.. ricordate Arya Stark? Una Maisie Williams più umana che mai; d’altra parte ha combattuto contro perfidi uomini, sconfitto il Night King ed è sopravvissuta a una guerra infuocata… Una ragazza ha molto da dire!

voce della moda _col fashion plast 2

Siamo giunti quindi alle battute finali, possiamo dire che i podcast effettivamente, oggi, rappresentino una buona strategia di comunicazione con costi iniziali contenuti e un buon ritorno di engagement. Le maison non vendono solo capi da collezione ma ora anche valori, ideali e idee… già perché care mie lettrici un’idea, lo insegna Leonardo di Caprio in Inception, è altamente contagiosa e può trasformare il mondo o, in questo caso, il vostro armadio!

L'articolo Podcast: la voce della moda sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
https://www.thatsalltrends.com/fashion/podcast-la-voce-della-moda/feed/ 0
Sparkling ’67 Collection: la rivolta psichedelica di Neve Cosmetics https://www.thatsalltrends.com/beauty/sparkling-67-collection-la-rivolta-psichedelica-di-neve-cosmetics/ https://www.thatsalltrends.com/beauty/sparkling-67-collection-la-rivolta-psichedelica-di-neve-cosmetics/#respond Tue, 11 Jun 2019 19:00:16 +0000 https://www.thatsalltrends.com/?p=45988 Alcune settimane fa, Neve Cosmetics ha lanciato la sua ultima collezione: Sparkling ’67 Collection, una collezione in edizione limitata caratterizzata da una fusione di colori, luci, glitter e trasparenze. A cosa si è ispirata? Ai mitici anni ’60, frutto di lotte, contestazioni e ribellioni nonché punto d’incontro tra caos e pace interiore, con uno sguardo […]

L'articolo Sparkling ’67 Collection: la rivolta psichedelica di Neve Cosmetics sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
Alcune settimane fa, Neve Cosmetics ha lanciato la sua ultima collezione: Sparkling ’67 Collection, una collezione in edizione limitata caratterizzata da una fusione di colori, luci, glitter e trasparenze.

A cosa si è ispirata? Ai mitici anni ’60, frutto di lotte, contestazioni e ribellioni nonché punto d’incontro tra caos e pace interiore, con uno sguardo sempre rivolto al futuro con tanti sogni e speranze da realizzare.

Sparkling '67 collection
Box limited edition Sparkling ’67 Collection di Neve Cosmetics

Insomma, una bellezza luminosa e decisamente anticonformista tutta da provare!

La collezione si compone di sei ombretti e due gloss di ben tre texture innovative, di origini vegane e vegetariane:

  • creamgleam,  colore traslucido dai riflessi iridescenti
  • crystallize, polvere pressata e matte dai riflessi colorati a contrasto
  • psychedelicious, gloss dai riflessi olografici iridescenti da un inebriante profumo fruttato.

Addentriamoci in questo viaggio psichedelico per scoprire più nel dettaglio tutti i prodotti della sua collezione.

Gli ombretti

Abbiamo sei ombretti dai colori intensi e super brillanti:

  • ON THE ROAD dal colore senape chiaro con cristalli oro e verde (texture crystallize)
  • PEACE&LOVE è un verde bottiglia dai riflessi dorati e rosa corallo (texture creamgleam)
  • ANOTHER PLANET è un nero tempestato di cristalli di diamante (texture crystallize)
  • GOOD KARMA dal colore lilla con cristalli verdi (texture crystallize)
  • TIE DYE un rosa malva dai riflessi lilla e rosa corallo (texture creamgleam)
  • HAIGHT ASHBURY dal colore bordeaux dai toni caldi con cristalli rosa e lilla (texture crystallize)
Sparkling '67 collection

Sparkling ’67 Collection: Vernissage Gloss

Dalla texture psychedelicious, i gloss di Sparkling ’67 Collection sono cremosi, lucenti da un mix magico di colori :

  • LIFE ON MARS dal colore rame trasparente e fucsia con cristalli giallo oro
  • SKY WITH DIAMONDS è un violaceo trasparente con cristalli fucsia e blu pervinca
Sparkling '67 collection
Vernissage Gloss della Collezione Saprkling ’67 di Neve Cosmetics

Una collezione unica, d’impatto e sparkling pronta per essere acquistata!

Per scoprire un’altra interessante collezione di Neve Cosmetics, la Rebel Epoque, che potete acquistare dal suo sito ufficiale, vi lascio il link dell’articolo.

Siete pronte per farvi travolgere da questa atmosfera colorata e scintillante?

L'articolo Sparkling ’67 Collection: la rivolta psichedelica di Neve Cosmetics sembra essere il primo su That's All Trends.

]]>
https://www.thatsalltrends.com/beauty/sparkling-67-collection-la-rivolta-psichedelica-di-neve-cosmetics/feed/ 0