Anno nuovo, dieta nuova. Ok, forse siamo un po’ in ritardo visto che gennaio è finito ma è in questo periodo che iniziamo a sentirci in colpa e a pensare all’estate. Iniziamo infatti la ricerca spasmodica dell’ultima dieta che promette una riduzione di peso rapida con, ovviamente, il minimo sforzo.

Ma no, mica ci accontentiamo soltanto di questo!

Noi cerchiamo una dieta che rispetti l’ambiente e che faccia meno danni possibile al nostro organismo, non è forse così? Ebbene, sembra proprio che esista un regime alimentare che risponde alle nostre esigenze e il suo nome è Pegan. Il termine deriva dal giusto mix tra la dieta Paleo, per intenderci, quella dei Primi Uomini di Game of Thrones, e la Vegan. Cosa cambia, allora?

Il creatore della dieta Pegan, il medico statunitense Mark Hyman parla della famosa mezza misura che giova in tutte le attività, partendo dal lavoro fino ad arrivare al modo di alimentarsi. Di fatto la dieta pegan non bandisce (quasi) nessuna categoria alimentare, rispettando quindi la natura onnivora dell’uomo.

pegan

COSA PUOI MANGIARE

Tutto! Ok, proprio tutto tutto no.

Sono messi al bando i latticini, tutti i latticini; dovrete farcire la pizza senza mozzarella se ne avrete il coraggio. Per il resto, il dott. Hyman è un fan dei cerali a basso indice glicemico quindi via libera a quinoa e riso nero, attenzione però, ne consente circa mezza tazza per pasto. Ma vediamo insieme quali sono le linee guida per la dieta.

  • Pochi zuccheri, sono da preferire farine e cereali integrali.
  • No al cibo trattato, niente alimenti ottenuti grazie a pesticidi, antibiotici e ormoni.
  • Tanta frutta e verdura, il consiglio è quello di variare molto e prediligere frutti con proprietà antiossidanti come more e mirtilli.
  • Sì a grassi buoni, alias evviva l’Omega 3. I grassi della top 3 sono quelli derivanti dall’olio di oliva, noci e il nostro amato Avocado.
  • Proteine, non sono la parte preponderante del piatto, ne costituiscono circa il 25% del regime alimentare previsto dalla Pegan. Sono molto importanti per controllare la sintesi muscolare e regolare l’appetito. Quindi, signorine, trovate il giusto equilibrio.
  • Prodotti biologici freschi e preferibilmente locali.
  • Fish&Meat, gli animali da cui deriva la carne che decidiamo di assumere dovrebbero essere allevati in modo sostenibile, consumando preferibilmente erba. Per i pesci, raccomandate sardine, aringhe e acciughe. Sconsigliati  il tonno e il pesce spada.

dieta_pulp fiction

Ma funziona? E quali sono i benefici?

Questo nuovissimo regime alimentare, ha conquistato anche le star di Hollywood e consente di perdere peso in modo controllato e senza troppe rinunce, ma soprattutto senza danni per l’organismo. In più pare sia davvero ben bilanciata e tiene al riparo da infiammazioni riducendo così anche il rischio di ingrassare. A questo punto io non la chiamerei neppure dieta. Date un’ occhiata ai coloratissimi piatti che suggerisce Pinterest per trarre ispirazione…sono davvero invitanti!

Ricordate: in ogni pasto non devono mancare mai: proteine vegetali o animali (carne bianca, pesce e uova), fibre (frutta e verdura di stagione cotta o cruda), grassi buoni Omega 3 (semi oleosi, olio extravergine d’oliva, avocado e frutta secca), carboidrati (cereali integrali, grano saraceno, quinoa).

Il segreto è trovare il giusto equilibrio, of course!