Se Dio vuole, è finalmente iniziata la primavera. Addio fedele piumone e benvenute lenzuola leggere! Pulizie, riordino e qualche nuovo sfizio accompagnano l’inizio della bella stagione e interessano ogni ambito. Anche quello musicale. Di seguito diamo inizio alle nostre pulizie di primavera in musica. Riposizionamenti e novità, sempreverdi e nuovi germogli, in vista di questa maledetta primavera che tanto si è fatta attendere.

Gli intramontabili

Ciascuno di noi ha nell’armadio quei due o tre capi dei quali non può assolutamente fare a meno. Che sia estate o inverno, sono talmente versatili che trovano sempre la loro collocazione ed è un piacere indossarli e riscoprirli. In musica, il primo degli intramontabili è indubbiamente l’orsacchiotto british Ed Sheeran. Come re Mida, tutto ciò che tocca diventa oro e non fa altro che collezionare successi e trionfi, album dopo album. L’ultima creatura, quarto singolo estratto dall’album Divide, ha catalizzato su di sé tutte le attenzioni.

Perfect, romantica ballata per la neo fidanzata, gira imperterrita da sei mesi in tutte le radio, le case e gli smartphone. Dopo Shape of you, si impone come ennesima hit planetaria dell’artista, impreziosita ancor di più nelle bellissime versioni Perfect Duet, con Beyoncé, e Perfect Symphony, con il nostro Andrea Bocelli.

Pulizie di primavera in musica

Di altra portata, ma altrettanto significativi, i contributi di due colleghi d’eccezione. Bruno Mars ha scaldato i mesi freddi dell’anno passato con due nuovi singoli super hot. Il ragazzo 24k ha sguinzagliato Chunky e Finesse, due bestie soul & funky tutte da ballare. Questo ricciolino non ne sbaglia una.

È invece uscito addirittura con un album nuovo di zecca il sempreverde e semprefigo Justinone nazionale Timberlake. Dopo un anno di silenzio, ha pubblicato a febbraio il quinto lavoro in studio Man of the Woods. Tre i singoli estratti, Filthy, Supplies e Say Something, totalmente diversi fra loro per melodia, arrangiamenti e atmosfera generale. Sembra che il bel Justin voglia tornare col botto, facendo la ruota e mostrando tutta la sua versatilità di musicista, cantante e performer. Noi apprezziamo e lo teniamo volentieri nell’armadio.

I Must Have della stagione 

Non parliamo di jeans a vita alta, tessuto a fiori o tubino nero, bensì delle personalità musicali che hanno spopolato negli ultimi mesi e che continuano a suonare nelle orecchie di tutti. Una grande rivelazione del 2017 sono stati senza dubbio i due dj francesi Ofenbach. A distanza di quattro anni l’una dall’altra, hanno sfornato le hit Be Mine e Katchi. Quest’ultima ha raggiunto la #1 nella iTunes Chart dei singoli più scaricati in Italia ed è nella Top 10 delle canzoni più trasmesse dalle radio italiane. “Doo wop a doo wop, shoopi doobi doo wop”.

Pulizie di primavera in musica

Se non avete ancora sentito la versione un pò francese, un pò inglese e un pò italiana de La Bambola di Patty Pravo, probabilmente non avete le orecchie. O vivete su Marte. Perchè la Bambola di Betta Lemme, giovanissima cantante canadese dalle origini calabresi, sta davvero spopolando in tutte le radio italiane. Accanto a lei, una coetanea sta facendo breccia nel mondo della musica pop internazionale. È Alice Merton, l’artista senza radici, autrice della hit No Roots.

Due fiori che sbocciano ai margini della strada, dove invece sfreccia veloce da tempo la ventenne Camila Cabello. Dopo l’esordio con le Fifth Armony, la giovane ugola d’oro ha spiccato il volo da solista, collezionando successi. L’ultimo, Havana, ha raggiunto il primo posto nella classifica degli Stati Uniti, la #2 nella classifica italiana Top Singoli FIMI ed è certificato doppio platino. Chevvelodico affà.

Pulizie di primavera in musica

Vecchie e nuove conoscenze della nostra penisola

Anche in Italia, le cose si stanno muovendo molto velocemente. Parlo di musica, ovviamente. Il 2017 ha visto affermarsi in maniera netta e prepotente la trap, con artisti come Sferaebbasta e la sua Rockstar, o le varie hit dell’italo-tunisino Ghali, da Ninna Nanna all’ultima Habibi. Di fronte a loro non mollano i rapper più tradizionalisti. Stavo pensando a te di Fabri Fibra ha retto bene l’urto, salvo poi sfociare in quella versione un pò imbarazzante con Tiziano Ferro. Non ce n’era bisogno. E se Calcutta ci ha risvegliati dal letargo invernale con Orgasmo e Pesto, ci manca invece una bella novità da parte di Coez, che rimane nei nostri cuori con La musica non c’è.

Sul versante femminile, tornano a farsi sentire le due voci maestose di Giorgia e Laura Pausini, radicate oramai da 25 anni nel terreno musicale partenopeo. La prima si lancia senza paracadute nelle sonorità contemporanee, come si può ben notare dalla hit dance Credo. Salvo poi atterrare nella sua comfort zone tra le braccia del bravissimo Marco Mengoni nell’ultimo singolo Come Neve. Laura, dal canto suo, torna con un nuovo album, Fatti sentire, il cui primo estratto Non è detto è un sospiro di sollievo. Certe cose non cambiano mai, per fortuna.

Pulizie di primavera in musica

Sotto i raggi luminosi di queste stelle, giovani boccioli di rosa si fanno spazio nell’affollatissima scena musicale italiana. Il fiorellino che la vince su tutti è sicuramente  Francesca Michielin, che a soli 22 anni vanta un curriculum di tutto rispetto. Ha all’attivo numerose collaborazioni davvero importanti, tra cui Calcutta per la stesura dell’ultimo successo Io non abito al mare. È lei la punta di diamante delle artiste più giovani del nostro Paese, ma merita un occhio di riguardo anche la bella e talentuosa Annalisa. Il mondo prima di te, brano presentato all’ultimo Sanremo, ha tutte le carte in regola per tenerci compagnia ancora per un pò.