Lunghe distese di spiagge bianche e acqua cristallina sono solo due degli aspetti che rendono il Salento un posto da sogno, dalla costa adriatica con le marine di Melendugno, Santa Cesarea Terme e Otranto, allo Ionio che bagna Porto Cesareo, Portoselvaggio e Gallipoli. Ma quali sono le spiagge più belle del Salento?

Se si decide di visitare questa zona bisogna essere pronti ad innamorarsi, il Salento infatti offre diverse mete di mare mozzafiato, luoghi di immenso relax a pochi passi da meravigliose città d’arte.

Spiagge più belle del Salento: #1 Torre Chianca – Porto Cesareo

La prima meraviglia che ho intenzione di far conoscere è Torre Chianca, ammetto di esser un po’ di parte essendo per me questo un luogo di ricordi d’infanzia e casa.

Incorniciata nell’area marina protetta di Porto Cesareo, insieme a Torre Lapillo, è una delle spiagge più belle del Salento, un luogo paradisiaco in cui rilassarsi e godersi i giorni di vacanza.

Il mare non è profondo e grazie a distese di acqua cristallina c’è la possibilità di fare lunghe passeggiate o semplicemente di rinfrancarsi sulla riva; inoltre è il punto di partenza ideale per gli amanti delle immersioni, i suoi fondali sono infatti un vero museo sommerso. 

Torre Chianca

Spiagge più belle del Salento: #2 Baia dei turchi – Otranto

Poco prima di Otranto e verso la fine della Baia di Alimini è possibile trovare quest’altro piccolo gioiello delle Maldive del Salento. Impossibile non citarla tra le spiagge più belle del Salento!

Un mix tra colori pastello sui toni cangianti dell’azzurro, ocra e verde è ciò che rende Baia dei Turchi un luogo di grande fascino.

Nel 2007 il FAI ha dichiarato Baia dei Turchi essere fra i primi 100 luoghi da tutelare in Italia, inoltre è stata dichiarata Sito d’importanza comunitaria ed è facente parte dell’Oasi protetta dei Laghi Almini. 

Piccolo accenno storico: il nome trae origine dallo sbarco dei guerrieri turchi che espugnarono la stessa città (XV secolo) e condannarono a morte 800 persone che non vollero rinnegare la propria fede in Cristo.

Spaigge più belle del salento baia dei turchi
Baia dei Turchi

Spiagge più belle del Salento: #4 Cala dell’Acquaviva – Lecce

Avete mai pensato ad un fiordo sul mare? Se la risposta è no allora vuol dire che non siete mai stati a Cala dell’Acquaviva.

Sono le piccole sorgenti di acqua fredda a dare il nome a questa località, l’accesso al mare è abbastanza semplice nel tratto iniziale perché l’altezza dell’acqua cresce gradualmente, poi bisogna però prendere coraggio e tuffarsi. Non è una spiaggia, è roccia ma troverete comunque dei punti in cui stendere l’asciugamano.

È la soluzione adatta a combatterete il caldo afoso che caratterizza i mesi estivi e la Puglia, l’acqua è fredda ed in alcuni tratti freddissima. Questo è dovuto a una fonte sorgiva di acqua che incontra il mare proprio in questo luogo.

Per i più avventurieri c’è la possibilità di arrampicarvi sul lato sinistro della caletta per vederla dall’alto e da un’altra prospettiva, altrettanto meravigliosa.

Spiagge più belle del salento cala dell'acquaviva
Cala dell’Acquaviva


Spiagge più belle del Salento: #5 Pescoluse – Salve

La spiaggia delle Pescoluse non ha bisogno di presentazioni, è la più lunga del litorale Salentino, caratterizzata da sabbia cangiante che regala cambi di colore in base alla posizione del sole.

Una volta giunti in spiaggia la sensazione che si prova è di esser capitati su una spiaggia esotica. Protetta dalle splendide dune, troviamo una lunga la distesa di sabbia bianca e finissima contornata dai bassi fondali che insieme ai vari isolotti che emergono dalle limpide acque, ne fanno uno dei posti più frequentati e desiderati di tutta la provincia di Lecce.

La Spiaggia delle Pescoluse è un vero e proprio angolo di angolo di paradiso baciato dal Sole, al tramonto da qui si gode uno spettacolo incantevole.

Pescoluse

Spiagge più belle del Salento: #6 Grotta della poesia – Lecce

Definita da sempre una piscina naturale, la Grotta della Poesia si trova tra San Foca e Torre dell’Orso nel comune di Meledugno. Se ad oggi è possibile ammirare uno spettacolo così è grazie al lavoro incessante dell’acqua che ha creato una cavità naturale.

Forse non tutti sanno che è formata da due grotte distinte fra loro: Grotta della Poesia Grande e Grotta della Poesia Piccola, che formano un complesso carsico che si snoda nei sotterranei vicino ad una fonte di acqua dolce. 

La Grotta si chiama così perché è legata ad una leggenda, il racconto parla di una principessa che amava fare il bagno nelle acque della grotta. Vista la sua immensa bellezza ben presto poeti e scrittori iniziarono ad arrivare da tutto il Sud Italia per comporre versi dedicati alla donna.

La grotta è stata scoperta nel 1983 nell’area Archeologica di Roca, un luogo interessante ricco di cripte, ipogei e torri. Nella stessa zona c’è anche un’area archeologica sottomarina che conserva i resti delle civiltà del terzo secolo A.C.

Spiagge più belle del Salento Torre chianca
Grotta della Poesia

Spiagge più belle del Salento: #7 Porto Selvaggio – Nardò

L’ultimo paradiso terrestre che vi proponiamo è la baia di Porto Selvaggio, circondata da un vasto parco naturale affacciato sulla costa occidentale è una tappa che non può mancare nella vostra vacanza salentina.

Per raggiungere la baia è necessario fare una splendida passeggiata di venti minuti nella pineta del parco. Non troverete sabbia ma sassolini ed un’affascinante scogliera, da cui potrete ammirare il panorama o tuffarvi nelle acque turchesi.

Se vi sentite avventurosi, prendete il sentiero che si inerpica a sinistra della spiaggia fino a Torre dell’Alto, forte aragonese oggi sede del museo di biologia marina. E poi, naturalmente, tornate giù a rinfrescarvi con un bel tuffo. Consigliamo però di porre sempre attenzione alla profondità e di non far gesti avventati.

Porto Selvaggio

Qui vi lasciamo un racconto sul Gargano, altra meraviglia della terra Pugliese; e per i più avventurosi ecco una guida pratica per un viaggio “On the Road”.

Ovviamente non è tutto, la Puglia racchiude talmente tanti posti magici in cui perdersi che è difficile racchiuderli tutti insieme.