Eh sì, anche i viaggi seguono le tendenze! Se non ci credi, dai un’occhiata a Pazzi per la SPA? Ecco i nuovi trend del 2019. Non sono riservate solo alla moda, al design, all’arredamento, ma le tendenze sono uno specchio della nostra società, che ci dice qualcosa in più sul periodo storico che stiamo vivendo. Cosa sta succedendo, quindi? Senza inciampare in dibattiti politici, in generale l’attenzione per il Pianeta e il suo (nostro) benessere è aumentata considerevolmente. Ecco così che entra in gioco l’ecoturismo! Nel 2019, si sente la necessità di ritrovare il contatto con la natura, la parte ancora pulsante della nostra Terra.

L’ecoturismo è un modo di viaggiare principalmente a piedi o attraverso mezzi di trasporto ecologici. Si seguono percorsi attraverso boschi, tra corsi d’acqua, sentieri montuosi, valli e fauna selvatica. Il rispetto per l’ambiente e l’impegno sociale sono alla base dell’ecoturismo, che dall’altra parte diventa un importante strumento di conservazione dell’ambiente stesso. L’ecoturismo è un elemento della green economy, una forma di sviluppo sostenibile, salvaguardia e protezione dell’ambiente per le generazioni future.

Ora basta chiacchiere. Quali sono i percorsi più belli dove praticare l’ecoturismo? TAT’s ha selezionato per voi i migliori.

ECOTURISMO #1: TERRE MUTATE

Per non dimenticare, nasce il Cammino delle Terre Mutate, che attraversa i luoghi colpiti dal terremoto del 2016. Da Fabriano, L’Aquila ad Amatrice, Castelluccio ed altri paesi simbolo del sisma. 200 km da percorrere a piedi o in bici, tra Marche, Umbria, Abruzzo e Lazio. Un itinerario solidale che unisce i viaggiatori, tutti i territori colpiti e le persone che vivono in questi luoghi trasformati, come simbolo di conoscenza e resilienza.

ECOTURISMO #2: IL CAMMINO DEI BRIGANTI

Il turismo lento agli Italiani piace parecchio. Ci sono moltissimi cammini all’interno della nostra Penisola, tra cui il Cammino dei Briganti. Sette giorni, 100 km di cammino tra gli 800 e i 1300 m attraverso paesaggi naturali dal sapore medievale, tra Abruzzo e Lazio. Si ripercorre la tratta della Banda di Cartore tra la Val de Varri, la Valle del Salto e le pendici del Monte Velino.

ECOTURISMO #3: SANTUARIO DELLA VERNA

Camminare aiuta a ritrovare se stessi. Il silenzio della natura e la calma circostante ci fanno vivere il momento presente più intensamente. Nel cuore di una foresta di faggi, sull’Appennino Toscano, si trova il cammino verso il Santuario della Verna. Percorso da San Francesco d’Assisi, questo tratto unisce spiritualità, cultura e storia, facilitando la meditazione e il contatto interiore. Adatto soprattutto per gli amanti del trekking.

ecoturismo

ECOTURISMO #4: TRANSIBERIANA D’ITALIA

Per chi non ama troppo camminare, ecco una valida -e molto suggestiva- soluzione. Un viaggio su uno dei treni storici italiani attraverso il Parco Nazionale della Majella e gli Altipiani Maggiori d’Abruzzo. Consigliassimo in inverno per restare incantati dal paesaggio innevato, quasi fiabesco, ed in primavera per assaporare il risveglio della natura e dei suoi colori. L’associazione Le Rotaie propone ogni anno dei percorsi tematici, gustoso quello sul vino di cui vi abbiamo parlato in questo articolo.

ecoturismo

ECOTURISMO #5: SENTIERO AZZURRO

Torniamo ad un percorso da fare a piedi. Ma non uno qualunque! Sto parlando di cinque borghi su 12 km di scogliera tra Levanto e La Spezia, dichiarati dall’Unesco patrimonio mondiale dell’umanità. Il Sentiero Azzurro ha una bellezza naturalistica impareggiabile e si completa in 5/6 ore.

ecoturismo

ECOTURISMO #6: SENTIERO ITALIA

Per i più temerari, ecco la sfida. Un sentiero che attraversa lo Stivale da nord a sud seguendo le catene montuose di Alpi e Appennini, passando anche per le Isole: il Sentiero Italia. 6800 km, considerato il percorso di trekking più lungo al mondo, rivela scenari e panorami mozzafiato, per lo più sconosciuti e quasi incontaminati. Si divide in circa 370 tappe con luoghi di sosta e ristoro. Sono pochissimi gli avventurosi che possono vantare di avere concluso. E tu, sarai tra questi?

ecoturismo

La scoperta del mondo porta con se anche un po’ di scoperta personale: il rispetto e l’amore verso se stessi e l’ambiente sono la base per vivere -e viaggiare- al meglio.