La primavera è iniziata da un po’ e già accusiamo gli immancabili acciacchi da cambio-di-stagione. Dopo aver abusato di multivitaminici per sopperire ai postumi dell’inverno, è arrivato il momento di recuperare le energie come-si-deve. Fortunatamente, le vacanze primaverili vengono in nostro soccorso, puntuali come sempre, per darci il giusto sprint prima dell’estate. Tra Pasqua, 25 aprile e 1° maggio, la tripletta delle festività è un’ottima occasione per fare le valigie e partire per una vacanza di primavera perché no, magari prendendo qualche giorno di ferie in più tra un ponte e l’altro.

Che sia una fuga in giornata, un weekend più o meno lungo, una settimana intera o addirittura due, non ha importanza. L’imperativo è staccare la spina!
In questa stagione, ce n’è da sbizzarrirsi in tema di vacanze. Concedersi una prima abbronzatura al mare? Rispondere all’ultima chiamata di stagione per una settimana bianca? Approfittare di qualche volo low-cost per visitare una capitale europea?

Una cosa è certa: dopo il letargo invernale, il bisogno di stare all’aria aperta è fisiologico.

Luce, colori, profumi e brezza primaverile sono gli ingredienti più preziosi per la rinascita post-invernale. Una vacanza di primavera green è l’ideale per assecondare il mood di stagione. Ecco la proposta: girovaghiamo per il vecchio continente, inseguendo le incantevoli fioriture di aprile e maggio e passiamo in rassegna 4 dei parchi più spettacolari d’Europa. Tanto relax, passeggiate e pic-nic per una vacanza di primavera davvero rigenerante.

Olanda: tulipani a perdita d’occhio al Keukenhof

L’Olanda delle bici e dei mulini a vento, di Van Gogh e di Rembrandt, ma anche dei coffe-shop e delle ragazze in vetrina, è però più di tutto la terra dei tulipani.

giardini10

Il tulipano, che tanto aveva affascinato i viaggiatori occidentali in visita nel Medio Oriente, arrivò in Olanda intorno al 1560. Accolto con entusiasmo dagli olandesi, il fiore raggiunse ben presto una popolarità tale da diventare merce di lusso, nonché vero e proprio status symbol. Le famiglie più abbienti dell’epoca cominciarono a sfidarsi a suon di tulipani. Tuttavia, la folle passione per questa novità floreale sfuggì di mano. Ogni singolo bulbo raggiunse prezzi stratosferici e nel 1637 scoppiò la prima bolla speculativa della storia – la bolla dei tulipani.
La coltivazione del tulipano continuò ad essere praticata e, oggi più che mai, i Paesi Bassi sono legati a questo splendido fiore. Qui ci sono i migliori posti al mondo dove ammirare campi costellati di tulipani, che in un’esplosione di colori, annunciano la fine dei mesi invernali –  si passa dal rosso al giallo, dal rosa al bianco, dal viola alle varietà screziate.

giardini6

Il Keukenhof è il più grande giardino di tulipani del mondo, nonchè il luogo più spettacolare dove ammirare 7 milioni di fiori da bulbo. Si trova a Lisse, tra Amsterdam e L’Aia, e con i suoi 32 ettari di superficie va visitato proprio in questo periodo. È tra aprile e maggio che i bulbi fioriscono, trasformando il paesaggio in un mare dai mille colori. Aperto al pubblico solamente per due mesi all’anno, questo bellissimo parco può essere visitato fino al 21 maggio 2017 . Meta che si addice perfettamente ad una vacanza di primavera con tutta la famiglia! 

Belgio: giacinti selvatici nella foresta blu di Halle

Viaggiatori e amanti della fotografia, lo sapevate che non lontano da Bruxelles, nel comune di Halle, si trova una Foresta Blu?
Il Bosco di Halle sembra uscito dalle fiabe. È un luogo magico.

giardini11

Tra aprile e maggio la foresta si colora di viola e blu, attirando ogni anno migliaia di visitatori da tutto il mondo.
I 552 ettari di Hallerbos si riempiono di
giacinti selvatici, che riposano indisturbati ai piedi di sequoie giganti, faggi e larici. Le condizioni climatiche e la conformazione del terreno sono il segreto di questa bellezza.

giardiniq8

Il mattino è il momento migliore per visitare Hallerbos, quando ci si può godere una passeggiata in silenzio, ammirando il manto dalle sfumature blu in tutta tranquillità ed evitando così la folla di gente che dopo una certa ora invade la foresta.

giardini8

Francia: nel paradiso dei Giardini di Giverny l’arte prende vita nella bellezza della natura

Non è difficile immaginare perchè Claude Monet, uno dei più straordinari artisti di sempre, abbia scelto di trascorrere proprio a Giverny 40 anni della sua vita. In cerca di tranquillità e ispirazione artistica, il pittore impressionista si trasferì in Alta Normandia nel 1883.

giardini2

Grazie ad una lunga progettazione e al suo inconfondibile senso artistico, Monet trasformò una residenza piuttosto anonima in un capolavoro unico: una casa colonica rosa, con le persiane verdi – oggi adibita a museodiventò l’oasi di pace di Monet, della moglie Alice Hoschedé e dei figli. A fare da cornice alla residenza, uno splendido giardino d’ispirazione giapponese, pensato dal pittore nei minimi dettagli. Ninfee, rose, iris, tulipani, campanule, piante esotiche, glicini, azalee, pioppi, salici piangenti, e chi più ne ha più ne metta.

giardiniq

Pochi luoghi vennero studiati assiduamente dall’artista quanto i giardini di Giverny, vera e propria fonte d’ispirazione per i suoi quadri. In questo giardino straordinario l’arte di Monet prende vita. Sembra quasi di poter vedere i quadri dal vivo, immortalati nella bellezza della natura. 

giardini000

Italia: la Peonia cinese è la regina indiscussa di Vitorchiano

Per una vacanza di Primavera in casa, andiamo in Provincia di Viterbo, a Vitorchiano per la precisione. Qui sorge il Centro Botanico Moutan, un giardino monotematico che si distende su 15 ettari di dolci colline. Durante i mesi primaverili, questo angolo fiorito viene preso d’assalto. Tutti attendono impazienti la fioritura della più vasta collezione al mondo di peonie cinesi.

giardini14

Questo giardino botanico è nato nel 1993 con l’intento di riunire in un unico luogo tutte le specie di peonie arboree ed erbacee esistenti, importate dalle più remote regioni asiatiche. Splendide e profumate, le 600 differenti varietà di peonie del Centro Botanico Moutan vengono coltivate e curate con passione. Questo spettacolo cromatico che va dal bianco al porpora, passando per le diverse tonalità di rosa, vale senza dubbio una visita!

foto-3

Dall’Olanda all’Italia, passando per il Belgio e la Francia, ecco i nostri 4 suggerimenti per trascorrere una vacanza di primavera tra fiori di mille colori!